La baia che placò l’animo di Lord Byron

Ho trovato finalmente una terra che placa l’animo mio, lo rende dolce e pago della vita.

Citazione scontata, quando si parla della Baia del silenzioSestri Levante, ma se tutti la usano un motivo ci sarà: lord George Gordon Byron aveva colto in pieno l’essenza di questo scorcio di Mar Ligure abbracciato da due lembi di terra. Ed è così che fa sentire anche te, turista che ti ci affacci per la prima volta: abbracciato.

Quando ci sono stata la stagione balneare era finita, ma il sole era ancora forte e rigoglioso e qualche temerario si avventurava comunque in acqua (tanta stima per loro, io impiego un quarto d’ora a entrare anche quando fuori ci sono 35 gradi!).

Uno scorcio della Baia del silenzio a Sestri Levante

Uno scorcio della Baia del silenzio a Sestri Levante

Uno scorcio della Baia del silenzio a Sestri Levante

Uno scorcio della Baia del silenzio a Sestri Levante

Proprio la poca gente in spiaggia mi ha permesso di notare un dettaglio che mi ha stupita: la Baia del Silenzio non è silenziosa!

Da dove viene il nome di Baia del Silenzio?

Il nome mi ha tratta in inganno, perché ero davvero convinta che, pur essendo a ridosso di Sestri Levante, per qualche legge della fisica a me incomprensibile, fosse un angolo particolarmente silenzio. Invece il nome gli è stato attribuito da Giovanni Descalzo, poeta italiano che a Sestri Levante è nato, vissuto e morto nel XX secolo. Descalzo era molto legato alla sua città, di cui tra l’altro ha contribuito a fondare la squadra di calcio, e la sua città era legata a lui, al punto da dedicargli sia il lungomare sia la scuola media. Ho cercato in rete notizie esatte su cosa lo abbia ispirato per dare il nome alla Baia del silenzio, ma purtroppo non ne ho trovate.

Dov’ero rimasta? Ah, no: la Baia del silenzio non è silenziosa, e passeggiare sulla battigia, sdraiarsi al sole, sedersi sulle barche di legno ormeggiate è rilassante solo perché la bellezza della baia è ipnotica. Quel giorno, soprattutto, mi ricordo di essere rimasta affascinata dalle onde e da quel mare cristallino che non ti aspetti in una spiaggia sabbiosa com’è quella della Baia del silenzio.

Le acque cristalline del mare della Baia del Silenzio

Le acque cristalline del mare della Baia del Silenzio

La Baia del Silenzio e la Liguria

Mi basta riguardare queste foto per desiderare di tornare lì, a quel giorno, a quell’atmosfera, a quel solicino caldo che scaldava la pelle quanto bastava da farti desiderare di non andare più via.

La spiaggia sabbiosa della Baia del silenzio

La spiaggia sabbiosa della Baia del silenzio

Amo molto la Liguria, amo i suoi colori, i suoi vicoli, le case disposte in verticale, le salite (di più quando sono discese), gli scorci di mare da una parte e le montagne dall’altra, il cibo, le persone. Legati alla Liguria ho solo bei ricordi, tutti con sfondi meravigliosi.

Se avete la fortuna di abitare vicino alla Liguria, oppure se abitate un po’ più lontano e riuscite a ritagliarvi un weekend, andate a visitare Sestri Levante e la sua Baia del silenzio, e vi assicuro che al vostro ritorno ci ringrazierete!

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN