Il bonus turistico Cura Italia (o bunus vacanze)è stato inserito dal governo nel DL Rilancio per aiutare il turismo italiano. Si tratta di una somma virtuale che va da un minimo di 150 Euro (per i single) a un massimo di 500 Euro (per le famiglie con tre o più membri), da utilizzare per l’80% direttamente nella struttura prenotata e per il 20% come credito d’imposta.

Può essere richiesto e utilizzato dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2020.

Ecco come funziona.

panorami su firenze

Bonus turistico o bonus vacanze: chi lo può richiedere

Il bonus turistico può essere richiesto da tutti i cittadini che hanno un ISEE inferiore a 40 mila Euro e utilizzato solo in strutture alberghiere e turistiche in genere che si trovano nel territorio italiano, entro il 31 dicembre 2020.

Bonus turismo 2020: come richiederlo

Bonus vacanze: occorre innanzitutto compilare la propria dichiarazione ISEE. Si può fare anche in maniera autonoma tramite il sito dell‘INPS – Servizio ISEE precompilato. Serve soltanto il PIN dispositivo, rilsciato sempre dall’INPS. Se non lo avete mai richiesto, fatelo subito perché ci vuole qualche giorno di tempo per averlo.

Se già avete le credenziali di accesso INPS, controllate che i dati inseriti siano corretti, accettate tutto e il vostro ISEE precompilato è fatto.

È davvero molto semplice, se avete dimetichezza con la dichiarazione dei redditi on line. Se siete meno smart dal punto di vista fiscal-tecnologico, recatevi presso un patronato e fatelo compilare dagli esperti.

Una volta compilato, se il risultato del vostro ISEE è inferiore a 40 mila Euro… complimenti! Potete usufruire del bonus turistico. Ma a quanto ammonta?

A quanto ammonta il bonus vacanze?

L’importo del bonus turistico cambia a seconda del numero dei componenti del nucelo familiare.

Se siete single, il bonus vacanze sarà di 150 Euro. Se siete in due, avrete diritto a un bonus turismo di 300 Euro. Se avete un nucleo familiare più numeroso, il bonus turistico può arrivare fino a 500 Euro.

Vediamo ora come usufruirne.

volterra teatro romano

Come usare il bonus turismo

Una volta accertato che se ne ha diritto, ecco come usufruire praticamente del bonus. Innanzitutto occorre scaricare la app dei servizi pubblici IO, che sarà disponibile per tutti gli smartphone a partire dal 1° luglio.

Una volta scaricata, bisognerà fare il login che può avvenire o tramite la carta di identità elettronica (se avete un iPhone quest’ultima soluzione sarà attiva dal 1° luglio, mentre è già attiva per gli android) e il pin che avete avuto al momento del rilascio della stessa, o tramite la SPID, l’identità digitale.

Dopo aver effettuaato l’accesso, l’amministrazione controllerà i dati e, se tutte le verifiche andranno a buon fine, il bonus turistico sarà erogato.

Direttamente dalla app IO, nella sezione Pagamenti, cliccate per aggiungere un nuovo Bonus/Sconto e scegliete la voce “Bonus Vacanze“. A quel punto la procedura è guidata. Alla fine, avrete un codice QR da mostrare alla struttura presso la quale passerete le vostre vacanze.

Attenzione, il bonus turistico è un credito digitale, quindi nessuno avrà soldi in contanti. Al momento della prenotazione della struttura, assicuratevi che siano disponibili ad accettare il bonus.

Teoricamente sarebbero obbligati a farlo, ma è sempre meglio chiedere e quindi avvertire la struttura che pagarete parzialmente con il vostro bonus.

Il bonus turismo può essere usato esclusivamente in un’unica soluzione e quindi in una sola struttura ricettiva. Può essere usato anche da un solo membro del nucleo familiare che non necessariamente deve essere colui che lo ha richiesto. Esempio: se una famiglia di tre membri ha diritto a un bonus di 500 Euro, ma non vanno in vacanza insieme, il bonus può essere utilizzato da un solo membro e in un’unica soluzione.

Per usufruire del bonus il pagamento deve essere fatto alla struttura e non tramite aggregatori (tipo booking) o tour operator.

bonus turistico

Importi del bonus e come viene erogato in pratica

Il bonus sarà erogato l’80% al momento del pagamento del saldo alla struttura e il 20% come credito di imposta da inserire nella dichiarazione dei redditi dell’anno 2020.

Facciamo un esempio. Siete una coppia a avete diritto ad avere 300 Euro di bonus. Il vostro soggiorno ha un costo di 500 Euro. Tramite il codice QR della app IO, vi sarà scalato dall’importo dovuto un totale di 240 Euro (l’80% del bonus), quindi pagherete il saldo di Euro 260 Euro.

A quel punto, con la fattura/ricevuta rilasciata dalla struttura, avrete un credito d’imposta di 60 Euro, da detrarre nella dichiarazione dei redditi del 2020 (quindi nel 730 che compilerete a maggio/giugno 2021).

************************************

📌 Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

***************************************************

Questo articolo è stato scritto da:

francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l’ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d’arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de “I Cassiopei (biografie non autorizzate) e “Storia di Biagio”.

Aggiornato il

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN