Rotterdam è stata una città duramente colpita dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale. Buona parte del centro venne rasa al suolo, e nel dopoguerra si procedette lentamente alla sua ricostruzione.

Questo ha significato che nella seconda metà dello scorso secolo la città è stata un perfetto canovaccio sul quale diversi architetti si sono sbizzarriti.
Uno degli aspetti che infatti colpiscono di più il visitatore, oltre all’enorme porto, è l’architettura estremamente moderna dei palazzoni del centro e dei ponti.

E il lavoro di ricostruzione prosegue tutt’oggi costantemente, tanto che ritornando a Rotterdam dopo alcuni anni si viene accolti da nuove costruzioni avveniristiche.

Case cubo di Rotterdam

Il complesso delle case-cubo di Rotterdam

In mezzo a tanti palazzoni e opere risaltano in modo particolare le originalissime case cubo di Piet Blom, realizzate negli anni Ottanta.

Si affacciano sull’Oudehaven, un’ansa raccolta del vecchio porto in pieno centro, con il loro giallo intenso che le fa assomigliare a tanti favi di un alveare.
Questo complesso di edifici a cubo comprende abitazioni, alcuni negozi, aule di scuola, spazi di passaggio, e addirittura un ostello.

Una casa cubo in particolare è aperta al pubblico, e rappresenta una sorta di museo grazie alla quale si comprende meglio l’utilizzo degli spazi all’interno.

La casa-cubo standard è ripartita su tre piani.

Il piano inferiore, dove si entra, rappresenta la zona soggiorno e in un angolo è collocata la cucina; al piano intermedio – quello più largo – c’è una camera da letto, uno spazio studio e un piccolo bagno; al piano superiore c’è un ulteriore spazio living (l’attico!).

Ovviamente in ciascun piano bisogna anche tenere conto dello spazio occupato dalla scala!

Case cubo di Rotterdam

Vista da una delle finestre della casa-museo

Senza visitare la casa-museo non si riesce a rendersi conto fino in fondo di quanto ogni centimetro cubico sia sfruttato a fini abitativi.

Non avrei mai pensato che fosse possibile recuperare tutto quello spazio al loro interno. E nemmeno che questi enormi cubi potessero essere davvero funzionali e ci si potesse realmente abitare, ma entrandoci ti rendi conto che invece è così.

Certo, bisogna farsi fare tutti i mobili su misura, non bisogna avere problemi di deambulazione (persone anziane, disabili o con bimbi piccoli non sarebbero esattamente gli inquilini ideali), ma per una persona “media” va bene.

Case cubo di Rotterdam

Soggiorno al primo piano

Case cubo di Rotterdam

Camera da letto nella casa-cubo