Se siete alla ricerca di un incantevole giardino in cui passeggiare, il Centro Botanico Moutan di Vitorchiano, in provincia di Viterbo, fa al caso vostro. Se poi amate le peonie, allora non potete perdervi questo piccolo paradiso terrestre.

Com’è nato il Centro Botanico Moutan

Il Centro nacque grazie alla passione di Carlo Confidati, imprenditore viterbese, che negli anni novanta si avvicinò per la prima volta al mondo delle peonie.

Affascinato dalla loro bellezza e dalla loro rarità ne importò alcune varietà direttamente dalla Cina.

Lo straordinario spettacolo della fioritura lo affascinò a tal punto da spingerlo alla creazione di un luogo dedicato esclusivamente allo studio e alla coltivazione di queste piante.

Nacque così il Centro Botanico Moutan (dal termine cinese “Mu Dan”, peonia arborea), un giardino monotematico che oggi contiene la collezione di peonie arboree ed erbacee più rara e ampia al mondo.

Il giardino, aperto ai visitatori dal 2003, si estende oggi su una superficie di quindici ettari, tra lecci, cipressi, querce e ulivi secolari. Ci sono le peonie, ma c’è anche tanto di più, con una cura incantevole per ogni pianta e un’esplosione di colori che vi lascerà a bocca aperta. Il glicine fiorito è la prova della perfezione della natura.

Le peonie del Centro Botanico Moutan

Le peonie sono piante molto longeve, con una vita media di 100/200 anni.

Sono caratterizzate da una crescita molto lenta ed è anche questo a renderle particolarmente preziose. La peonia arborea è considerata in Cina il Fiore Nazionale e molte sono le leggende legate a queste piante. Non a caso i loro nomi evocano spesso proprio la loro magia.

La collezione raccoglie oggi oltre 250.000 piante, tra cui circa 600 differenti varietà e ibridi naturali. Per tutti i dettagli più tecnici vi rimando direttamente al loro sito dove potrete trovare tutte le informazioni nel dettaglio.

Io mi limiterò a dirvi che il Centro Botanico Moutan è un luogo magico dove rimettersi in pace con il cuore. Gli occhi si riempiono di colori e bellezza, il naso di profumi e le orecchie del ronzio delle api e del canto degli uccelli.

Visita al Centro botanico Moutan: informazioni pratiche

La durata della fioritura è complessivamente di due mesi l’anno, tra aprile e maggio.

Per cogliere il momento giusto, vi consiglio di tenere d’occhio i loro social e il loro sito internet dove forniscono chiaramente informazioni dettagliate sul punto.

Il costo del biglietto è di 5 euro per gli adulti, gratuito per i bambini fino a 10 anni. Da quest’anno il Centro organizza anche visite guidate e una serie di eventi, condensati per lo più nei week end, che trovate indicati sul loro sito.

Non serve essere esperti di peonie o giardinaggio per godere di questo luogo fantastico. Il luogo è anche molto adatto ai bambini, perché è richiesta la sola accortezza di non camminare fuori dai sentieri segnati e rispettare le normali norme di buona educazione (non strappare fiori, non calpestare piante,…), per il resto i bambini potranno passare qualche ora in un luogo davvero magnifico.

Colour Cafè

Ai colori delle peonie è ispirato anche il Colour cafè, un delizioso ristorante con tavoli all’aperto in cui gustare un pranzo immersi nel verde.

I prezzi sono ragionevoli, è previsto un menù per i bambini e mangiare all’aperto in primavera in un posto così secondo me è un valore aggiunto (anche perché all’interno del centro non è possibile fare picnic).

***********************************************

Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

Centro Botanico Moutan Viterbo Peonie Lillà

Centro Botanico Moutan

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l’amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 4 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!