Pensando a Cordoba, la prima parola che mi viene in mente è accecante.
Il bianco dei muri delle case, i vicoli strettissimi dove il sole riflette tutta la luce delle estati andaluse, qualsiasi cosa a Cordoba va guardata con gli occhiali da sole.

Juderìa Crodoba

Cosa vedere a Cordoba

Cordoba è una città antichissima; si pensa che il nome derivi da coteba che in siriano vuol dire frantoio.

I fenici infatti risalivano il Rio Guadalquivir, che a quel tempo era navigabile fin lì, per commerciare il pregiato olio d’oliva locale.

imm 318

Juderìa de Cordba

Tutta la storia di Cordoba si ritrova nella Juderìa la parte che riunisce i vecchi quartieri arabi ed ebraici, che formano il centro storico.

juderìa cordoba

Camminando per i vicoli di Cordoba, sono totalmente rapita dalla bellezza dei suoi patios che si intravedono attraverso le rejas (inferriate in ferro battuto).

patios Cordoba

rejas cordoba
Gli andalusi sono talmente fieri dei loro patios che, a metà maggio, Cordoba ospita addirittura il Festival de los patios.
Perdersi tra i vicoli della Juderìa è facilissimo, sono tutti uguali, il quartiere è praticamente un enorme labirinto.

imm 315

La zona è tutta pedonale e quando arriviamo, trascinando le valige nel primo pomeriggio di giugno, in giro non c’è nessuno. Tutti dentro casa a fare la siesta.
Giriamo intorno le solite due strade per mezz’ora, prima di riuscire a trovare il vicolo in cui si trova il nostro albergo e che si chiama, manco a dirlo, Los Patios.

Alcàzar de los Reyes Cristianos e il Jardìn Botànico

L’Alcàzar è il palazzo costruito nel XIV secolo e come dice il nome fu realizzato dai re cristiani.

alcazar cordoba

Addirittura Ferdinando e Isabella vi ricevettero Colombo (nel giardino ci sono le statue che ricordano il momento) e per tre secoli è stato sede della Inquisizione.

cordoba alcazar

Nel XV secolo fu ricostruito in stile mudejar e si aggiunsero i giardini, disseminati di rovine romane.

alcazar jardin cordoba

Puente Romano di Cordoba

Il Puente Romano è quello che mi ricordo più vividamente di Cordoba. Sarà stata la luce rosata del tramonto andaluso, ma quando penso a Cordoba mi viene in mente questo.

meraisla1
Il ponte, costruito per attraversare il Rio Guadalquivir, è lungo 250 metri e si pensa che risalga addirittura al I secolo anche se un restauro un po’… azzardato nel 2007 ha fatto storcere il naso a parecchi archeologi.
Il fondo al Puente Romano c’è la Torre de la Calahorra, di epoca medioevale, che oggi dovrebbe ospitare curiosità hi-tec. Dico dovrebbe perché l’ingresso è a pagamento e non ci interessava entrare.

Stare al caldo a godersi il tramonto era molto meglio!

La Mezquita è il monumento più famoso di Cordoba, la moschea più grandiosa mai costruita dai mori. Ne parlo qui.

Mezquita Cordoba Andalusia

*********************************************************************

Gli andalusi sanno come festeggiare! Un pomeriggio di domenica, mentre ci prepariamo a lasciare Cordoba, siamo attirati dalla folla che si accalca da un lato della Mezquita.

Cavalli, canti e donne gitane che ballano il flamenco ci accolgono e ci invitano a guardare.

imm 357

Gitane cordoba
Non ho mai capito che ricorrenza fosse, ma certo Cordoba ci ha salutati in maniera indimenticabile!

alcazar cordoba

imm 330

cordoba

Dove dormire a Cordoba

Noi abbiamo scelto un b&b comodo, economico a molto bello, in pieno centro, proprio accanto alla Mezquita. Ve lo consiglio perchè ci siamo trovati davvero bene.

*****************************************************

Vi è piaciuta Cordoba? Leggete tutti quello che abbiamo scritto sulla Spagna!

*************************************************

Ti è piaciuto? Pinnalo!

cosa vedere cordoba andalucia spagna

Cordoba

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

 

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l’ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d’arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e cadere da cavallo. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de “I Cassiopei (biografie non autorizzate).

 

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN