Titanic è stato il primo film che ho visto al cinema, l’8 febbraio 1998.

Come qualunque ragazzina sopra gli 8-9 anni, anche io mi sono innamorata della faccia da bravo ragazzo e del caschetto biondo di Leonardo Di Caprio che, dalla prua della nave, gridava: “Sono il re del mondo!”

Peccato che per capire davvero quello che intendeva io abbia impiegato anni, ossia quelli che mi ci sono voluti a salire sul piano più alto della Tour Eiffel. In realtà la prima volta ci sono salita nel marzo 2004, ma ero un’adolescente troppo euforica all’idea di telefonare a casa e dire: “Mamma, ti chiamo dalla Tour Eiffel!” per godermi davvero quella meraviglia.

Quest’anno, invece, dopo tre ore di fila (l’unica in una settimana. Grazie, ferie di febbraio), mi sono ritrovata con Parigi distesa ai miei piedi, come una signora un po’ maliziosa che voleva farsi ammirare in tutta la sua beltà. E ci è riuscita, oh se ci è riuscita.

Parigi è una città mozzafiato, dove si respirano storia e cultura a ogni angolo, ma che può mettere soggezione.

La visita non ha una durata fissa, quindi è possibile prendersi tutto il tempo che si vuole per ammirare, respirare, fotografare, guardare in basso e sentirsi per davvero il re del mondo (tant’è che scesi dalla Tour Eiffel ci siamo fatti coraggio e siamo andati a provare la pizza in un pseudo ristorante italiano a Parigi. Ma questo è materiale per un’altra storia.)

Parigi di notte vista dal terzo piano della Tour Eiffel

 

Questo post è stato scritto da:

Stefania

Stefania

Ha una trentina d'anni, una lunga vita da pendolare e un'altrettanto lunga vita da lettrice incallita. Ha una collezione di cartoline che da anni incrementa guardando con espressione angelica chiunque sia in partenza prima di chiedergli: “Mi mandi una cartolina?”. Ha un astio profondo per il caffè, e una dipendenza da cappuccino e Pocket Coffee. Ha anche due lauree, una in Editoria e una magistrale in Traduzione; quello che le manca è una casa tutta sua in cui usarle come complemento d'arredo, ma ci sta lavorando. Quando leggete le parole su Facebook, in genere sono sue.

Last Updated on 4 Gennaio 2019 by Francesca

error: Questo contenuto è protetto.