Amici viaggiatori, concorderete con me che Petra è semplicemente una meta indimenticabile, tutto ciò che vi è stato raccontato è sempre troppo poco, bisogna camminare tra le rocce rosa e gustarsi ogni sensazione per comprenderla e state sicuri che lo stupore accompagnerà ogni vostro passo!

Petra Giordania Nabatei

Petra

Una stretta gola introduce nell’antica capitale dei Nabatei, detta anche città delle “Tombe” o “Rosa”, ed il primo monumento funebre che si scorge è un’opera misteriosa, ossia il “Tesoro del Faraone” e poi a seguire una miriade di opere ben conservate, come il Teatro Romano, le Tombe Reali ed il Monastero, ma nessuna abitazione.

Scavata completamente nella roccia, Petra offre 21 kilometri di templi e tombe che le sfaccettature rosee dell’arenaria rendono uniche!

Petra Giordania Nabatei

Petra

Petra Giordania Nabatei

Petra – Teatro Romano

Gli studiosi sembrano non aver trovato tracce di abitazioni ma nemmeno aver individuato il motivo del declino di questa civiltà.

Petra Giordania Nabatei

Roccia arenaria rossa

Petra Giordania Nabatei

Le grotte di Petra

I misteri di Petra si arricchiscono perché alcuni visitatori riportano di aver udito il fenomeno dei “cannoni di Barisal”… e qui mi fermo… non essendo ancora inquadrati con precisione tra i fenomeni naturali o extraterrestri!

Da parte mia ho sentito solo i morsi della fame, avendo scelto di visitare questo luogo emozionante camminando a piedi (c’è chi opta di girarlo sul dorso di un ronzino) e avendo al seguito più attrezzatura fotografica che acqua e cibo (non fate lo stesso errore!). Vi affascinano i luoghi a cui la storia attribuisce mistero?

Petra Giordania Nabatei

Io e Petra

Questo post è stato scritto da:

Selena

Selena

E' la donna delle contraddizioni: è capace di partire con un itinerario di viaggio così dettagliato da far invidia alla miglior Monica di Friends o allo sbaraglio, di dormire in un letto king size o in un sacco a pelo, di mangiare in un ristorante stellato o in un mercato rionale, di entusiasmarsi davanti a un'opera d'arte o di fronte a un piatto di noodles. Curiosa verso ciò che non conosce, pensa che saper viaggiare significhi mettersi in gioco e cercare sé negli altri, per imparare senza pregiudizi. Deve ai suoi genitori l'educazione al viaggio e per questo spera di essere in grado di fare la stessa cosa con la sua adorabile bimba; che dire, la sua è proprio una famiglia di viaggiatori a 360°!

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN