All’arrivo su Piazza Jamaa el Fna, cuore pulsante di Marrakech, una lunga fila di carrozze variopinte ha attirato la nostra attenzione.

La guida ci ha suggerito di prenderne una per fare un giro in città. Secondo lui un costo ragionevole poteva essere di 15 euro.

Piazza Jamaa el Fna

Piazza Jamaa el Fna

Finito il nostro tour di shopping selvaggio nella medina, decidiamo di dargli ascolto e farci portare in carrozza al Jardin Majorelle, incantevole giardino riportato allo splendore da Yves Saint Laurent e meta obbligata di vere fashion addicted.

Ci avviciniamo quindi con fare sicuro e offriamo i nostri 15 euro per una corsa. Si scatena il panico. Inizialmente ci dicono di no e cercano di contrattare sul prezzo. 50 vetturini contro noi quattro. Siccome non molliamo di un centesimo, la discussione inizia tra di loro per decidere chi debba portarci.

La lite si fa talmente accesa che noi indietreggiamo e con un rapido scambio di occhiate perplesse valutiamo se non sia il caso di lasciar perdere. Il tempo di fare qualche passo indietro ed ecco comparire davanti a noi il vincitore della disputa a bordo della sua carrozza che ci fa salire con un sorriso.

Carrozza a Marrakech

Carrozza a Marrakech

Sedile in freschissimo velluto, ammortizzazione inesistente, spazio ridotto e quell’aria da turisti scemi che tanto mi fa ridere quando la vedo a Roma sui volti degli stranieri. Meravigliosamente sballottati, ci siamo diretti verso la nostra destinazione. Per sempre ci rimarrà il dubbio di aver offerto o meno un prezzo congruo. D’altra parte, appena scesi, il Jardin Majorelle ci ha lasciati senza fiato e abbiamo dimenticato tutto il resto.

Ma questa è un’altra storia.

Voi avete mai fatto un giro in carrozza da veri turisti?

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l’amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 3 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!