Quando ho scritto del nostro giro in carrozza a Marrakech, ho soltanto accennato a qjuella che era la nostra meta: il Jardin Majorelle.

E’ giunto il momento di parlarvi di questo fantastico giardino botanico che si trova a Marrakech.

jm1

Qualche notizia sulla storia del Jardin Majorelle

Il complesso di giardini fu progettato dall’artista francese Jacques Majorelle nel 1931.

Majorelle si era stabilito nella medina di Marrakech qualche anno prima, innamorandosene perdutamente.

Comprò un palmeto nel nord-ovest della medina e commissionò all’architetto Paul Sinoir la costruzione di una villa in stile moresco.

Da amante della botanica, creò al pian terreno il suo giardino botanico ispirato dai giardini tradizionali marocchini.

Jardin majorelle

jm7

Nel 1937 l’artista creò il blu Majorelle, un blu oltremare/cobalto al tempo stesso intenso e chiaro, con cui dipinse le pareti della sua villa, e tutto il giardino, che aprì al pubblico nel 1947. E’ quel colore così bello da essere indefinibile la prima cosa che vedo se chiudo gli occhi e penso ai giardini.

Jardin majorelle

Alla morte di Majorelle il giardino venne abbandonato per molti anni, finché non fu scoperto da Yves Saint Laurent e Pierre Bergé. Nel 1980 comprarono il giardino, decidendo di trasferirsi a vivere nella villa e iniziarono un ampio lavoro di restauro.

Le ceneri di Yves Saint Laurent sono state cosparse nel roseto della Villa e un memoriale in suo onore venne eretto nel giardino.

Jardin majorelle

jm3

Il giardino oggi

Oggi il Jardin Majorelle attrae un elevato numero di visitatori e il motivo è evidente.

Varcato l’ingresso ci si ritrova in un lussureggiante giardino tropicale che circonda la villa. Sembra di essere finiti in un dipinto. Il fresco delle piante, il bacino d’acqua, le forme e i colori, i tantissimi uccelli rendono questo giardino magico e rilassante.

Gli esperti potranno ammirare la collezione di cactus e quella di banani. Tutti gli altri potranno riempirsi i polmoni di aria fresca e gli occhi di blu Majorelle.

Jardin majorelle

Jardin majorelle

jm8

jm6

Jardin majorelle

Salva

Salva

Salva

Salva

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l’amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 2 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!