Si possono coniugare la tradizione delle luminarie natalizie e l’arte contemporanea? La risposta è sì, e a Torino lo fanno da ormai quasi 20 anni, nel periodo che precede il Natale.

La città di Torino ha dato un’etichetta altisonante alle classiche illuminazioni natalizie, chiamandole “Luci d’Artista“. In effetti le diverse installazioni realizzate con la luce sono state ideate e progettate da vari artisti contemporanei, italiani e stranieri, anche di fama, quindi possono tranquillamente essere etichettate come “opere d’arte”.

regno_dei_fiori

Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime, di Nicola De Maria

Ogni anno, intorno al periodo autunnale in cui torna l’ora solare, si vedono gli omini del Comune che montano le illuminazioni, spesso con l’ausilio di camion e gru. E’ una scadenza particolare, perché da quel momento in poi, quando la sera uscirò dall’ufficio, ci sarà buio fitto a causa del cambio dell’ora. Grazie alle Luci d’Artista, però, il tragitto fino alla metropolitana sarà almeno ravvivato da questi colori ed effetti luminosi.

La cosa intelligente delle Luci d’Artista torinesi è che vengono riciclate e re-inventate ogni anno. Di solito le vie e le piazze coinvolte nella manifestazione sono sempre le stesse, quasi tutte in zona centrale, ma di anno in anno le luci vengono ricollocate in una via differente rispetto all’anno prima, ovviamente anche in funzione di come si riescono ad adattare alla fisionomia della strada.
Ad esempio, le scritte della favola narrata da Mainolfi uno degli anni passati erano collocate in via Carlo Alberto, l’anno scorso in via Lagrange, e quest’anno in via Garibaldi.

Anche se il grosso delle opere viene riproposto anno dopo anno, con ogni nuova edizione c’è però in genere anche una new entry. Opere che vanno e opere che vengono, dunque.

Alcuni allestimenti sono davvero scenografici e mi piace sempre rivederli, anno dopo anno.

Il mio preferito in assoluto era il “Tappeto volante” di Buren, che di solito veniva allestito davanti al Municipio: un reticolato di lanterne rosse e blu disposte in maniera regolare a circa 8-9 metri da terra. Davvero suggestivo camminarci sotto. Peccato che quest’anno non sia stato riproposto.

tappeto

Tappeto volante, di Daniel Buren

Sono molto pittoreschi anche gli allestimenti che riproducono, sulle volte delle gallerie di passaggio, le costellazioni e i cieli stellati.

galleria

L’energia che unisce si espande nel blu, di Marco Gastini

Simpatiche, invece, le installazioni che propongono colombe che tendono nel becco un nastro luminoso rosso, oppure quelle che narrano una favola tramite diverse frasi colorate appese lungo la via (la favola di Mainolfi che ho citato prima).

volocasorati

Volo su…, di Francesco Casorati

Se vi trovate a passare per Torino in questo periodo, e l’arte contemporanea vi interessa, o se più semplicemente queste luminarie artistiche vi incuriosiscono, procuratevi una mappa con la dislocazione delle varie opere. Potrete farvi una bella passeggiata esplorativa, naturalmente nelle ore serali-notturne, quando le luci sono accese!
Avete tempo sin dopo l’Epifania.

amanti

Noi, di Luigi Stoisa

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN