Cosa fare a Seoul: il Lotte World Adventure – consigli pratici.

Il Lotte World è un grande complesso ricreativo di Seoul.

Comprende quello che credo sia il più grande parco a tema al chiuso del mondo: il Lotte World Adventure; un parco all’aperto chiamato Magic Island (un’isola artificiale in un lago); un centro commerciale (anche se definirlo così mi sembra davvero limitativo, visto che al suo interno ha anche un acquario, il Lotte Aquarium); un hotel di lusso; un museo di cultura tradizionale coreano; strutture sportive e cinema.

visita al Lotte world adventure di seoul

La prima volta che ho visto il Lotte World Adventure è stato quando, 4 anni e mezzo fa, ci siamo affacciati al suo interno per entrare nel Pororo Park.

Da allora non mi sono mai tolta dalla testa la sensazione di stupore provata quando ho visto delle mongolfiere muoversi sul soffitto di questo mega parco al chiuso. Il parco si sviluppa su 4 piani.

Nel più basso la fa da padrona una gigantesca pista di pattinaggio su ghiaccio. Gli altri piani si sviluppano intorno, lasciando sempre aperta la visuale sulla pista sottostante. Sul soffitto, al quarto piano, vi attendono le mongolfiere per mostrarvi dall’alto tutta la magnificenza di questo parco.

Magic Island è ormai ufficialmente collegata al Lotte World Adventure e un percorso pedonale vi conduce facilmente in questa estensione del parco (dall’alto della Lotte Tower si vede benissimo).

Nonostante sia un parco al chiuso non mancano le montagne russe, con tanto di giro della morte. I giochi di questo tipo si sviluppano poi anche nella parte esterna. L’offerta di cibo e gadget è pressoché infinita e i prezzi non sono proibitivi come temevamo.

Non tutti i giochi sono visibili finché non si entra dentro. Sono un po’ a sorpresa. In alcuni casi questo è positivo, ma in altri ci avrebbe fatto comodo capire meglio prima di cosa si trattasse.

Magari era indicato nei cartelli in coreano, ma l’assenza di traduzione in inglese non aiuta. C’è un’area interamente attrezzata con set fotografici per consentire a chi vuole di scattarsi foto con il cellulare e selfie.

I ragazzi coreani adorano questo tipo di intrattenimento, anche fuori abbiamo visto tantissimi locali adibiti a set per i selfie, e anche noi ci siamo fatti coinvolgere da questa attività.

Devo dire che ci siamo divertiti molto.

Info pratiche per andare al Lotte Adventure World

Al momento del nostro accesso al parco, il biglietto prevedeva uno sconto del 20%, poiché a causa del covid alcune attrazioni sono state chiuse e in altre i tempi di attesa sono un po’ più lunghi, visto che tra un giro e l’altro gli operatori sanificano le postazioni.

Complessivamente abbiamo speso circa 90 Euro per due adulti e un bambino sotto i sei anni, direi in linea con il costo dei parchi a tema di tutto il mondo. Noi siamo andati in mezzo alla settimana, in un periodo in cui i turisti a Seoul sono davvero pochi, quindi le file non sono state un problema.

Pro e contro del LOTTE ADVENTURE WORLD di seoul

Pro è senza ombra di dubbio il fatto che trattandosi di un parco (prevalentemente) al chiuso il meteo non è un problema, anzi. Noi abbiamo scelto di andare proprio in una giornata piovosa per passare una giornata diversa. Considerato anche che a Seoul d’inverno può fare molto freddo, di sicuro la scelta di questo parco al chiuso è ottimale.

L’unico grande contro, per me, però è proprio che essendo al chiuso, pur nella quasi immensità della struttura, ad un certo punto ho sentito proprio il desiderio di aria vera. Anche i suoni, seppure noi siamo andati in una giornata di calma, rimbombano rendendo un po’ fastidioso trascorrere tanto tempo dentro.

Nel complesso, abbiamo trascorso una giornata davvero piacevole, siamo tornati bambini e io ho potuto finalmente fare quel giro in mongolfiera che sognavo da anni.

lotte world adventure seoul

***************************************************

📌 Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

francesca

FRANCESCA

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and TripsSenese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l’ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d’arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de “I Cassiopei (biografie non autorizzate) “Storia di Biagio”.