Per coloro che viaggiare è come respirare aria pulita, cosa si inventa ai tempi del coronavirus?

Ve lo dico io cosa si inventa.  Una specie di #iorestoacasa con il corpo, ma non con la mente o con il cuore.

Lo so, i tempi sono duri per tutti.

Questo coronavirus, sta rovinando davvero la primavera, la vita e i piani di mezzo mondo. Personalmente avevo già pronta la mappa della prossima meta con tutti i pins, i luoghi da visitare, ecc.
Dobbiamo cambiare il percorso mentale e resettare l’itinerario, per ora non si parte, anzi, non ci si muove proprio da casa.

Ma per coloro che non ne possono fare a meno, per quelli che viaggiare è come respirare aria pulita, cosa si inventa?
Eccomi qui, ve lo dico io cosa si inventa.

Si può viaggiare anche rimanendo nel proprio divano, una specie di #iorestoacasa con il corpo, ma non con la mente o con il cuore.

Fate un tour virtuale

Vediamo, cosa fareste se tu foste a Londra, o a Roma?

Probabilmente passereste del tempo al British Museum o nei Musei Vaticani.
Allora andate on line e fate un tour virtuale di quello che ti piace di più: il tour virtuale dei musei vaticani offre le Stanze di Raffaello, la Cappella Sistina e molto altro, da godersi tranquillamente senza spendere niente e soprattutto completamente da soli.

Oppure, fate un viaggio nella storia del mondo, visitando il tour virtuale del British Museum di Londra. In questo, Google ci viene incontro in maniera straordinaria, con i tour virtuali dei musei più belli del mondo.

Se i musei non sono di vostro gradimento, allora diamoci al sollazzo puro, con il tour virtuale dei parchi Disney.

Le possibilità sono infinite, scegliete il luogo e andate (con la fantasia).

Perfezionate (o imparate) una lingua straniera

viaggiare da casa

Visto che siamo obbligati a stare in casa, rendiamo produttivo il nostro tempo, imparando o perfezionando una lingua straniera, che farà sempre molto comodo nei viaggi futuri.
Per esempio, io mi sto divertendo nel guardare i live della mia insegnante di British English preferita, Emma, sia sul canale YouTube (Pronunciation with Emma) che sul suo account Instagram.

È anche molto utile guardare una serie TV o un film in lingua originale, magari con i sottotitoli (non in italiano!) per aiutarci nella comprensione.

La mia preferita? Downton Abbey, naturalmente!

Cucinate etnico!

cucina etnica

Quante volte avete sentito dire che mangiare in un paese straniero, è parte integrante del viaggio?
E allora, tempo ne abbiamo, i supermercati sono aperti, perché non cucinare un piatto etnico del vostro paese preferito?

Personalmente, mi sono dedicata agli scones con la clotted cream e marmellata e ne sono entusiasta.

Sul blog di Giallo Zafferano, troverete tutto quello che cercate, come farlo in maniera facile e senza troppi sbattimenti.

Ma se proprio non avete voglia di mettervi ai fornelli e vivete in una grande città, ordinate una cena etnica al vostro ristorante preferito che fa consegne a domicilio. Sosterrete l’economia locale in questo momento terribile e in più mangerete qualcosa di meglio che la pizza surgelata.

Guardate un film di viaggio

Anche guardare un film è un modo bellissimo di viaggiare.
Se i documentari del National Geographic vi sono venuti a noia, perché non andare nella Spagna di Viky Cristina Barcellona, nella Roma de La Grande Bellezza o nella Birmingham dei Peaky Blinders?
Potete andare nel deserto del Wadi Rum con Aladin, in Tibet con Brad Pitt oppure guardare il mondo stereotipato visto dagli americani di Mangia, Prega, Ama.

Insomma, le combinazioni sono infinite, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Oppure…

Oppure, potete leggere un libro di viaggio, ma ne avevo già parlato qui e non mi dilungo oltre.

E voi, cosa fate in queste lunghe giornate casalinghe? Come passate il tempo? Raccontatelo nei commenti!

*************************************

Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

Questo post contiene link affiliati, ci aiutano a pagare lo spazio web. 

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

 

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l’ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d’arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e cadere da cavallo. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de “I Cassiopei (biografie non autorizzate) e “Storia di Biagio

 

Aggiornato il

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN