Siamo arrivati a Montréal in una piovosa sera di inizio agosto. E’ da qui che è iniziato il nostro tour della parte orientale del Canada.

Poche cose su Montréal

La mattina dopo la pioggia era cessata, ma aveva lasciato una avvolgente cappa di umidità unita a temperature piuttosto alte: una bella afa ci ha accompagnati nella scoperta della città.

Montréal è, per numero di abitanti, la terza città francofona del mondo dopo Parigi e Kinshasa. A me faceva un effetto strano questa cosa di essere in “America” e parlare francese.

D’inverno è frequentatissima la città sotterranea: geniale soluzione urbanistica per sfuggire al freddo.

Ben 32 chilometri di passaggi, 120 ingressi, complessi commerciali e residenziali, ristoranti, negozi e boutique, stazioni della metro direttamente collegate. E ancora: musei e università, stazioni ferroviarie e terminal dei bus.

D’estate invece ci si concentra soprattutto sulla Vieux Montréal, in particolare nella piazza centrale, Place Jacques-Cartier e lungo Saint-Paul Street.

Si tratta di un’ampia zona pedonale dove godere appieno della vita estiva della città. Tavolini dei bar e dei ristoranti e piste ciclabili sono sempre affollatissimi.

Noël Éternel

Immaginate ora il mio stupore quando passeggiando per la Vieux-Montréal in pieno agosto ho visto Babbo Natale che mi sorrideva dalla vetrina di un negozio.

Chiaramente non ho saputo resistere e sono entrata.

Noel Natale negozio Canada Montreal

Il negozio si chiama Noël Éternel e, come suggerisce il nome, lì dentro è Natale 365 giorni all’anno.

Basta varcare la soglia per tornare bambini e rimanere a bocca aperta.

Musiche natalizie ad attendervi, fiocchi di neve, balocchi.

In quel luogo incantato ogni oggetto che vi venga in mente viene infiocchettato e trasformato in un addobbo natalizio. I prezzi, facile immaginarlo, sono tutt’altro che cheap.

Noel Natale negozio Canada Montreal

Confesso che io sono rimasta così incantata da non essere stata capace di trovare una decorazione da comprare… in realtà perché le avrei volute tutte!

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l'amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 3 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!