Los Angeles ha una caratteristica oggettiva: non è una città uniforme, ma un’enorme area che comprende zone eterogenee.

Una somma delle parti, insomma, che non me l’ha mai fatta amare troppo. Della serie, per me è buona solo per le spiagge.

Però a quest’ultimo giro mi ha stupito.

Provate ad andare a Griffith Park intorno all’ora del tramonto e salite su verso l’Osservatorio. Oltre a ritrovarvi in una delle location di Gioventù bruciata, potreste iniziare ad amare davvero L.A. grazie a questa vista…

Hollywood sign. Classic.

Hollywood sign. Classic.

Vista di Los Angeles dal Griffith Park Observatory

Vista di Los Angeles dal Griffith Park Observatory

  Persino la coltre di smog diventa una nebbiolina piena di fascino.

Questo post è stato scritto da:

Paola

Paola

Bergamasca di nascita, bolognese d'adozione, californiana per vocazione. Due lauree e un dottorato in Television Studies, si divide fra università, televisione e moda. Ma niente di serio, ci assicura: sotto sotto è sempre la stessa fangirl/geek che va in giro per il mondo a cercare le location di film e serie TV. Ha un grande amore: gli Stati Uniti. Leggenda narra che non si sia mai ripresa veramente dall'anno di studio alla Berkeley e che adesso pensi di essere mezza americana. Si scusa per la qualità delle foto, ma  rifiuta di farsi regalare una macchina fotografica vera perché ha sempre poco spazio in borsa.