Siamo in viaggio in Scozia già da qualche giorno e ci fermiamo nel Glenfinnan, una parte spettacolare che ospita il viadotto omonimo, diventato famosissimo con i film di Harry Potter, perché ci viaggia sopra l’Hogwarts Express.

E’ una ferrovia scenografica, che si vede meglio prendendo il treno (rigorosamente a vapore) e percorrendo il tratto che porta fino a Mallaig, di fronte all’Isola di Skye. Ci sarebbe davvero piaciuto fare un giro in treno, ma per ragioni di tempo (e di costo!) abbiamo deciso di no. 

Ora ammetto di essermene amaramente pentita!

Hogwarts Express a parte, parcheggiamo al visitor center e ci incamminiamo per il parco privato, attraversabile solo a piedi, che porta vicino al viadotto.

Dopo qualche centinaio di passi vedo fermi di fronte a noi due ragazzi, che ci fanno cenno di avvicinarci in silenzio. Avanziamo in punta di piedi e, sul lato della strada, a cinque metri di distanza, vedo un cervo con un palco di corna enorme che bruca tranquillamente per i fatti suoi.

La Nikon è già in mano che scatta, prego che il bestione guardi verso di me e – la telepatia esiste! – questo alza la testa e fissa dritto in camera.

Il ragazzo che mi aveva fatto cenno fa per andarsene, all’ultimo istante si gira e mi sussurra “Welcome to Scotland”.

Glenfinnan Scozia Highlands

In realtà ce ne andiamo tra due giorni, ma come si dice, conta il pensiero. È una di quelle esperienze che arricchiscono un viaggio e che mi hanno reso la Scozia davvero indimenticabile. Una natura selvaggia ma totalmente a suo agio con l’uomo. Un dono prezioso. 

Cliccando qui trovate il tour on the road che abbiamo fatto in Scozia e qui tutti i singoli articoli

Glenfinnan Scozia Highlands
Valuta il post post