La nostra amica Simona è stata sul Lago di Como a visitare un posto incredibile, Villa del Balbianello, e noi le abbiamo chiesto di raccontarci tutto.

Villa del Balbianello

Tra le innumerevoli bellezze del Lago di Como merita sicuramente una menzione particolare va a Villa del Balbianello, abbarbicata sulla punta del Dosso di Lavedo in località Lenno.

Villa del Balbianello

Villa del Balbianello: La storia

La villa venne costruita nel XVIII secolo dal Cardinale Angelo Maria Durini sui resti di un convento francescano, di cui rimangono a testimonianza la facciata della cappella e le due torri campanarie.

Villa del Balbianello

Alla morte del Cardinale la proprietà passò al nipote Luigi Porro Lambertenghi, patriota liberale, che ne fece un luogo di ritrovo per liberi pensatori quali Giovanni Berchet, Ludovico di Breme e Silvio Pellico.

Dopo alterne vicende e cambi di proprietà, nel 1974 gli eredi del generale americano Butler Ames, vendettero la Villa a Guido Monzino.

Erede della famiglia che aveva fondato la Standa, Monzino fu un importante esploratore ed alpinista con all’attivo 21 spedizioni in tutto il mondo, compresi una spedizione italiana al Polo Nord, nel 1969, e la prima ascesa italiana sull’Everest, nel 1973. Malato di cuore, Monzino non potè raggiungere la cima del monte, ma guidò la spedizione dal campo base a circa 6000 metri.

Monzino scelse Villa del Balbianello come suo ritiro e investì molti anni, e molti soldi, per restaurare ed allargare la casa. Le maestranze compirono una vera impresa perché la casa sorge addossata alla roccia e alcuni nuovi ambienti, come il suo spogliatoio, il bagno privato e il vano dell’ascensore, furono scavati a mano.

Alla sua morte, Monzino lasciò la Villa e le straordinarie collezioni che contiene al FAI.

Villa del Balbianello

Villa del Balbianello: La Visita

Un strada in salita di circa 1 km, vi porta dal parcheggio ai cancelli della villa.

E’ possibile acquistare il biglietto per visitare solo il giardino, ma il mio consiglio è quello di prenotare la visita guidata che vi porterà a scoprire la straordinaria eredità di Monzino (durata circa 1 ora).

L’arredamento è composto da pezzi d’antiquariato Luigi XIV e Luigi XVI e da molti pezzi inglesi del XIX secolo, mentre le tappezzerie e le decorazioni, purtroppo, risentono della moda degli anni ’70.

La visita ha inizio dal loggiato e preparatevi a godere dell’intimità della biblioteca che raccoglie solo testi a carattere geografico.

Sarete deliziati dalla vista delle straordinarie collezioni di dipinti su lastre di vetro e di arte africana, precolombiana e cicladica, nonché dalla raccolta di cimeli collezionati in quasi 20 anni di spedizioni.

Una curiosità: Monzino si trasferì sul Lago di Como negli anni ’70, gli anni delle Brigate Rosse, degli attentati e dei rapimenti. Per questo decise di modificare l’antico passaggio segreto che originariamente portava dall’approdo all’odierna biblioteca. Anche le nuove vie di fuga furono scavate nella roccia.

La visita della Villa mi ha affascinato, ma la sua straordinaria ricchezza non è nulla in confronto allo spettacolare giardino all’italiana, curato per tutto l’anno da una squadra di tre giardinieri a tempo pieno.

Monzino ha lasciato chiare disposizioni per la cura del verde. Ad esempio alcuni degli alberi devono essere potati a ombrello per evitare che crescendo coprano la vista dai piani superiori.

I platani invece sono tagliati a candelabro, mentre le siepi di bosso, che ingentiliscono le colonne dell’approdo e rendono unico il loggiato, devono avere l’aspetto sinuoso del serpente. Questo è un omaggio Giuseppe Arconati Visconti, che per un breve periodo ebbe la proprietà della villa.

Balbianello e il cinema

Se siete appassionati di cinema probabilmente avete già visitato Balbianello senza nemmeno saperlo.

La villa e il parco infatti sono stati utilizzati come set per le riprese di 007 Casino Royale, è qui che l’agente segreto James Bond, alias Daniel Craig, passa un periodo di convalescenza.

Gli appassionati di Star Wars invece potranno ripercorrere la storia d’amore tra Anakin Skywalker e Padme Amidala.

E’ infatti Balbianello la villa nella regione dei laghi del pianeta di Naboo in Episodio II – L’attacco dei cloni.

Per concludere un avviso di servizio: se state cercando una location esclusiva per il giorno del vostro Sì, sappiate che è possibile organizzare cerimonie ed eventi sulla terrazza dalla vista mozzafiato.

Se avete un mente una gita sul Lago di Como, forse vi interessa l’articolo di Stefania sul Giardino botanico di Villa Carlotta

*********************************************

Ti è piaciuto? Pinnalo!

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN