Casablanca si presenta come una città moderna, quasi occidentale che sembra poter offrire poche cose interessanti ai visitatori.

Eppure la sola Moschea di Hassan II è in grado di lasciare strabiliati e di dare un senso ad una sosta in città che di solito è puramente strategica perché da qui si parte per il tour delle città imperiali.

Il sovrano ha fatto edificare questa meraviglia nel 1993. È la più grande moschea del Marocco e la terza nel mondo per dimensioni (dopo quelle di La Mecca e di Medina).

Onestamente vi dico che considerata la sua enormità fatico ad immaginare qualcosa di più grande.

Hassan 5

Hassan 2

Hassan 6

Hassan 3

Moschea di Hassan II: un po’ di numeri

La Moschea di Hassan II può ospitare venticinquemila fedeli all’interno e ottantamila nel cortile.

Il suo minareto, di 210m, è il più alto del mondo e sulla sommità è stato collocato un faro laser che punta verso La Mecca.

L’imponente costruzione sorge su una lingua di terra affacciata sull’Atlantico e nella mattinata di marzo in cui noi l’abbiamo visitata, le onde si infrangevano con forza sulle sue fondamenta spargendo schizzi sul piazzale.

Purtroppo delle transenne di sicurezza ci hanno impedito di affacciarci direttamente sull’oceano, ma anche così è stato suggestivo.

Hassan 7

L’edifico, progettato dall’architetto francese Michel Pinseau, è stupefacente. Hassan II voleva che questa moschea rappresentasse l’eccellenza del paese e senza ombra di dubbio ha raggiunto l’obiettivo.

Pur nella sua immensità, infatti, il livello di dettagli con cui è stata rifinita lascia senza parole. Le pareti sono così finemente cesellate da sembrare merletti. Gli intarsi in legno sono miracoli. Le vetrate sembrano dipinti.

Sei mila artigiani, l’eccellenza dell’artigianato e della manifattura marocchine, hanno lavorato a questa moschea rendendola un’opera d’arte a tutti gli effetti.

D’estate il soffitto si apre per offrire refrigerio ai fedeli. D’inverno il pavimento riscaldato li conforta con il suo calore.

Hassan 10

Hassan 9

Hassan 11

Hassan 12

Anche l’hammam è progettato per incantare e deliziare. Niente è stato lasciato al caso.

Hassan 13

Hassan 14

La Moschea di Hassan II è una delle poche moschee marocchine aperte ai non musulmani.

Si pagano dieci euro circa per il biglietto e informandosi per tempo si può approfittare di una delle visite guidate che sono disponibili anche in italiano.

Inseritela come tappa del vostro itinerario e non ve ne pentirete!

Moschea di Hassan II

 ********************************************

Avete in programma un viaggio in Marocco? Forse vi possono interessare gli articoli su

Oppure cliccate qui per tutti gli articoli sul Marocco.

Salva

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l'amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 3 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!