Dopo aver fatto il carico di spiritualità al Bongeunsa Temple, vi basterà attraversare la strada per entrare nel più terreno dei mondi: il Coex Mall, centro commerciale talmente grande da contenere il Coex Aquarium (che occupa una superficie di oltre 14.000 mq!).

Oltre ad un numero impressionante di negozi e luoghi in cui mangiare.

Poichè il marito acquariofilo non va mai in vacanza (come ho spiegato qui), ma al contrario sfrutta ogni occasione per portare alla sua causa anche quell’anima innocente del figlio, potevamo noi perderci il Coex Aquarium? Ovvio che no!

Per arrivarci vi consiglio di chiedere indicazioni a qualche ragazzo giovane che si aggira per il Coex Mall. Ci sono cartine e schermi interattivi, ma in coreano. I ragazzi invece parlano quasi tutti inglese e sono super disponibili.

Onestamente non credo possa competere con l’Acquario di Genova, ma è veramente divertente. E con i bambini il successo è garantito.

Ci sono tantissime varietà di pesci (e non solo), vasche tematiche, angoli raccolti, ma la cosa che mi ha fatta impazzire è lo stampo un po’ americano che hanno alcuni ambienti.

Se qualcuno di voi ha mai visto Tanked – Acquari di famiglia, capirà immediatamente cosa intendo guardando le foto.

Coex 1

Ecco perché il Coex Aquarium merita una visita

Il biglietto per gli adulti costa circa 17 euro. Nelle giornate normali l’affluenza è umana e l’educazione dei coreani fa davvero la differenza.

E’ l’unico acquario in Corea ed è strutturato seguendo idealmente il percorso dell’acqua dalle Ande, nei fiumi amazzonici fino al mare.

Seguire il percorso è facile e divertente. Per i bambini in età scolare ci sono anche dei timbri da mettere man mano che si vedono i vari animali su una specie di libretto ricordo.

Coex 3

Coex 4

coex aquarium

Coex 6

Coex 7

Coex 8

Ad un certo punto si accede ad una vasta area con acquari realizzati OVUNQUE.

In una lavatrice, in un vecchio videogioco, in un frigorifero, in una cassetta postale… Il mio preferito è in assoluto quello nella cabina telefonica. Non è incantevole???

coex2 Collage

coexCollage

Perfetto per i bambini

C’è un’area in cui ai bambini è consentito infilare le mani nelle vasche e avere una percezione tattile di quello che stanno guardando.

Conchiglie, lumache di mare, pesci garra rufa (sono quelli che mangiano le pelli morte da mani e piedi, per capirci) e altre amenità li aspettano per farsi conoscere.

Prima di mettere le mani nelle vasche, i bambini hanno a loro disposizione lavandini bassi con acqua e sapone per lavarsi le mani. Lavandini analoghi sono posti alla fine del percorso sensoriale.

Non immaginatevi scene “cruente”. Ho visto una classe di bimbi coreani di non più di 5 anni lavarsi ordinatamente le mani. Curiosare nelle vasche e poi lavarsi di nuovo con una disciplina ed un’educazione affascinanti.

Nella seconda parte del Coex Aquarium arrivano le grandi vasche, quelle con razze e squali.

Il tunnel sotto la vasca grande è chiaramente affascinante. Il fatto che sotto ci sia un tapis roulant molto lento consente di percorrerlo tutto stando con il naso per aria senza rischiare di cadere.

coex aquarium

Coex 11

coex aquarium

coex aquarium

Nostro figlio si è divertito e, alla fine, anche noi (come resistere e non mettere la mano nella vasca dei garra rufa?). Il Coex Aquarium merita decisamente una visita!

Nota pratica: ci sono tanti servizi a disposizione, tutti tirati a lucido e tutti attrezzati per i bambini. Sto imparando che non sono dettagli da sottovalutare!

******************************************************************************

Se state per visitare Seul, forse vi interessano i consigli di FrancescaGi sulla capitale sudcoreana.

Salva

Salva

Salva

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l’amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 2 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!