Perché andare a Seul?

La Corea del Sud è una meta praticamente sconosciuta ai turisti europei, durante la nostra settimana a Seul ne abbiamo incontrate poche decine.

Eppure è un paese fantastico che è pronto ad offrire tantissimo ai viaggiatori. La sua modernità estrema e la tradizione convivono in questa emozionante città.

seoul1

Bongeunsa Temple

Bongeunsa Temple

Non esiste una guida turistica in italiano (anzi, cara Lonely Planet, se per caso servisse…), su internet si reperiscono un bel po’ di informazioni ma se come me sentite il bisogno fisico di una guida cartacea, il sistema esiste.

Scrivete all’Ambasciata coreana in Italia e loro vi recapiteranno gratuitamente mappe, guide e brochure in quantità. Fantastico e molto esemplificativo dell’estrema cortesia dei coreani e del loro rispetto nei confronti dei turisti.

A differenza del Giappone, che mi ha sorpresa per il basso livello di inglese, i coreani più giovani lo parlano tutti e bene. Siccome poi la gentilezza contraddistingue tutti i coreani, ci è capitato in più occasioni che dei ragazzi, vedendoci con la cartina in mano, si avvicinassero per chiederci se avessimo bisogno di aiuto.

Questa disponibilità fa sentire protetti anche in una megalopoli come Seul.

seoul

I mezzi di trasporto di Seul

Dall’aeroporto Incheon fino a Seul c’è un efficiente servizio di pullman che ferma davanti ai principali hotel.

Troverete il botteghino con i biglietti proprio fuori dall’aeroporto (prima di uscire sulla destra c’è l’ufficio per il cambio che vi permetterà subito di rifornirvi di won). Il costo del biglietto è di 16.000 won (circa 15 euro).

La metropolitana di Seul è quella che noi Chicks adoriamo: estesa, efficiente, pulita, silenziosa (è vietato fare baccano), ordinata (i punti di apertura delle porte sono segnalati e tutti si mettono in fila lì davanti).

Io ho scaricato la app sul telefono e così siamo arrivati ovunque senza problemi, anche grazie al wi-fi gratuito disponibile in ogni stazione e anche dentro la stessa metropolitana.

Nei negozi dentro le stazioni potrete comprare la City pass da ricaricare a vostro piacimento nelle macchinette automatiche. Comodissima!

Seul

La metropolitana

Se siete tipi da taxi, sappiate che il servizio è più economico rispetto agli standard italiani, ma è fondamentale fermare taxi arancioni o grigi, non quelli neri che sono considerati “di lusso” e costano di più per questo.

Costo della vita a Seul

Se siete shopaholic, Seul è il regno della perdizione. Il Namdaemun Market vi piacerà di certo. Seul somiglia molto a Tokyo e diventare “poveri” è davvero facile!

Per il resto dipende ovviamente da cosa si vuole fare. I biglietti di accesso ai palazzi sono davvero bassi, arrivano al massimo ad una decina di euro.

Un pasto costa mediamente dai 6.000 ai 20.000 won (5-18 euro). Il cibo coreano, che merita un post a parte, vi sorprenderà.

Superato l’impatto iniziale con le dosi massicce di aglio e peperoncino utilizzate, si trova la giusta misura che permette di assaggiare di tutto.

Kimbap

Kimbap

Seul: note di costume

Noi abbiamo provato, con pessimi risultati, ad imparare qualche parola di coreano.

La verità è che la pronuncia coreana sarà sempre totalmente diversa da quella appresa, perciò lasciate perdere!

Ad ogni modo vi basterà conoscere un’unica parola per entrare nel cuore dei coreani: Kamsamnida. Vuol dire grazie e, vista la loro attenzione per la cortesia, credo sia in assoluto la parola che usano di più.

seoul

Anche nel 2015 in Corea (come in Giappone) sputare per strada, tirare su con il naso e fare rumore risucchiando i noodle sono considerati comportamenti normali e diffusi. Siate forti! Sappiate anche che, al contrario, è maleducazione soffiarsi il naso in pubblico.

Alcune zone di Seul hanno le tubature delle fogne troppo strette per la carta igienica. Questo comporta che la carta vada gettata nei secchi e non nel water.

Spesso le indicazioni nei bagni pubblici sono solo in coreano, ma non sarà difficile capire dove buttare la carta se starete attenti.

Quando andare a Seul

In Corea del Sud, a differenza di quanto alcuni pensano, non è sempre caldo. In inverno a Seul le temperature scendono anche a meno 17 (!) e ritrovarsi in mezzo ad una piccola bufera di neve non è così raro.

Seul

La neve è sempre affascinante!


Seul Gyeongbokgung Palace

Gyeongbokgung Palace

Vale la pena di fare questo viaggio?

Sì, senza ombra di dubbio!

Bongeunsa Temple

Questo post è stato scritto da:

FrancescaGi

FrancescaGi

Romana di nascita, sabina di azione, mamma di cuore. I suoi viaggi sono un mix tra il suo animo cittadino e l’amore incondizionato per la natura della mezza mela con cui condivide la vita. “Alla fine però sono venuti dei bei mix”, assicura lei. Chissà se la pensa così anche Luna, la coniglia nana più viziata del mondo, che li attende con pazienza a casa ogni volta. Anche se di fatto è un avvocato, Francesca dice di non avere ben chiaro cosa vuole fare da grande, ma sarà bene che lo capisca in fretta perché suo figlio di 3 anni le ha chiesto come regalo una Ducati Panigale!

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN