Lago di Carezza: dove si trova, come arrivare, hotel, la leggenda e il disastro del 2018

Il Lago di Carezza, o Karersee in tedesco, è uno specchio d’acqua nelle Dolomiti trentine, che sembra uscito direttamente da una fiaba.
Ha i colori dell’arcobaleno, è di una bellezza incredibile e, quando lo si vede, non si può fare a meno di chiedersi come sia nuotare in quelle acque cristalline.
Si può (purtroppo, ma anche per fortuna) solo immaginarlo.

Una gita di un giorno è d’obbligo se vi trovate da quelle parti. È un luogo incantato, fatato, magico. Usate gli aggettivi che la fantasia vi regala, perché io sono rimasta letteralmente a bocca aperta davanti a tanta perfezione creata da Madre Natura.

lago di carezza dolomiti

Lago di Carezza: dove si trova

Si trova in Trentino Alto Adige, nel bel mezzo dei meravigliosi boschi del Latemar, nell’alta Val d’Ega, a circa 25 chilometri da Bolzano, nel comune di Nova Levante.

Come arrivare al Lago di Carezza

  • Bus: dall’autostazione di Bolzano, ogni ora circa parte il bus direzione Pera di Fassa, che dopo circa 40 minuti ferma all’Hotel Adler. Da lì, ci sono altri 2 chilometri da fare a piedi per arrivare al lago.
  • Auto: la scelta più comoda ed economica. Da Bolzano prendete la SS241 verso Ponte Nova, proseguite verso Nova Levante e poi per il Lago. Dalla Val di Fassa prendete la SS241 in direzione nord a Vigo e proseguite fino al Lago.
lago di carezza dolomiti

Lago di Carezza: hotel e dove dormire

Il Lago di Carezza si trova ai piedi del massiccio del Latemar, in uno dei boschi più belli del mondo. Dormire lì vicino è difficile, a meno che non si voglia soggiornare nel Residence Grand Hotel Carezza, costruito nel 1893.

Si tratta di una residenza storica famosissima, in cui hanno soggiornato personaggi come l’Imperatore Francesco Giuseppe e la Principessa Sissi, Agatha Christie e Winston Churchill.

È un luogo che sembra uscito da un romanzo, tanto è bello e incastonato in un posto unico al mondo. Se per voi però è troppo fancy, date un’occhiata qui se c’è qualcosa che può fare al caso vostro, tenendo comunque conto che non si tratta di alloggi in prossimità del lago.

Passeggiata

Una volta arrivati al lago, troverete un centro visitatori ad accogliervi. Da lì inizia la passeggiata intorno al lago. È brevissima e facile da fare. Ci si inoltra lentamente nei boschi del Latemar e si capisce perché Stradivari venisse qui a cercare gli abeti rossi con i quali costruiva i suoi violini.

È un bosco che parla. Ancora oggi, i liutai più bravi del mondo si trovano in questi boschi nelle notti primaverili di luna piena, per scegliere un abete con cui creare i migliori strumenti musicali a corda.

Ci sono panchine e posti in cui sedersi ogni pochi metri, a causa anche del grande afflusso di persone.

Ricordatevi che è assolutamente proibito fare il bagno nel lago.

lago di carezza passeggiata

La leggenda del Lago

Anche sul Karersee, come ogni luogo magico che si rispetti, c’è una leggenda da raccontare.

C’era una volta Ondina, una bellissima ninfa che viveva nelle acque più profonde del lago. Aveva una voce incantevole, capace di far innamorare tutti coloro che avevano la fortuna di sentirla.

Lo stregone Masaré, che viveva sul massiccio del Latemar, un giorno si fermò sulle sponde del lago, udì la ninfa cantare e se ne innamorò perdutamente. Cercò di conquistarla in tutti i modi, usando i poteri magici che aveva a disposizione, ma senza risultati.

Non appena si avvicinava, Ondina si tuffava nelle acque del lago, sparendo alla vista.

Disperato, il mago chiese aiuto alla strega Langwerda, la quale gli consigliò di travestirsi da venditore di gioielli, di spargere alcune pietre preziose sulle rive del lago e di creare un arcobaleno che raggiungesse il vicino massiccio del Catenaccio, per attirare la ragazza fuori dalle acque.

Così fece. La ninfa, attratta dai colori bellissimi, si avvicinò alla riva ma scorse immediatamente Masaré. Spaventata, si tuffò nel lago e, da quel momento, nessuno la vide né la udì più cantare.

Lo stregone, disperato, fece a pezzi l’arcobaleno e lo gettò nello specchio d’acqua.

Da quel giorno, il Lago di Carezza assunse tutti i colori dell’arcobaleno.

lago di carezza dolomiti

Disastro del Latemar

Nella notte tra il 28 e il 29 ottobre 2018, quella che fu chiamata la Tempesta Vaia, si abbatté sul Trentino Alto Adige e anche sui boschi del Latemar, che circondano il Karersee.

Raffiche di vento fino a 120 chilometri orari soffiarono tra il Catinaccio, la Val di Fassa e la Val di Fiemme, abbattendo oltre 4 milioni di alberi e creando un danno immane alla flora e alla fauna della montagna. I morti, fra gli uomini, furono ben tre.

Gli esperti credono che ci vorranno tra i 100 e i 120 anni per ripristinare lo stato dei luoghi, così come era prima di quella notte di ottobre.

lago di carezza disastro

***************************************************

Questo post contiene dei link affiliati (sono collegamenti che, se cliccati, portano a noi una piccola percentuale sulla vendita effettuata, ma non hanno nessuna maggiorazione sul costo per voi). Servono a pagare lo spazio web. 

📌 Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l’ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d’arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de “I Cassiopei (biografie non autorizzate) e “Storia di Biagio”.