Toledo è una città meravigliosamente lenta.

E’ lenta negli assolati pomeriggi spagnoli, è lenta nei ristorantini nascosti lungo le sue viuzze. E’ lenta nell’esplorazione della sua immensa cattedrale, è lenta nelle poderose mura di cinta che la abbracciano.

Toledo è una città che bisogna vedere perché è unica nel suo genere eppure, sembra di averla vista mille volte. 

Visitarla è stato bellissimo, non solo per la sua indiscutibile avvenenza. Come in tutte le città spagnole che ho avuto la fortuna di vedere, è l’atmosfera che conquista, prima ancora dell’architettura e della storia. 

Visitare Toledo

Toledo dista da Madrid solo 73 kilometri.

Avendo come al solito un tempo molto risicato, decidiamo di farci bastare un giorno per la sua visita. E’ un tempo giusto per vederla abbastanza bene, ma se potete fare con più calma, è meglio.
Dalla capitale spagnola prendiamo il bus (da Plaza Eliptica ne partono ogni 30 minuti, ma è sempre meglio prenotare, specialmente in alta stagione), il mezzo più economico e più comodo per noi. Con 9,70 Euro andiamo e torniamo.

Toledo, capitale della regione Castilla – La Mancia, è arroccata su uno sperone di roccia, circondata su tre lati dal fiume Tago.
Dalle poderose e ben conservate mura di cinta si intuisce il suo glorioso passato. È tenuta benissimo, molto pulita ed accogliente,  patrimonio Unesco dal 1986.

Di cose da vedere a Toledo ce ne sono tante, è una bella cittadina da godere in tutta la sua tranquillità. Grazie al clima mite ci sono tantissimi localini all’aperto, per rinfrescarsi e bere un delizioso zumo de naranja natural (succo d’arancia spremuto all’istante).

Il centro storico è tutto chiuso al traffico e d’estate le strade sono affollate di turisti.
Ma come dicevo prima, ha un’atmosfera bellissima, per niente finta, nonostante sia stata restaurata in maniera pesante, dopo i danni subiti durante la guerra civile.

Toledo

Cosa vedere a Toledo

Real Alcàzar

Questa enorme fortezza quadrata è in realtà una riproduzione. L’originale fu distrutto negli anni della guerra civile spagnola, durante la cosiddetta “resistenza dei cadetti”.

L’entrata è a pagamento, ma si possono visitare poche sale. Il fatto che sia una riproduzione non invoglia la visita degli interni e infatti ci godiamo i giardini e lasciamo perdere il resto.

Toledo

E facciamo bene, guardate che vista.

toledo

 

Cattedrale di Toledo

Il biglietto di entrata per la Cattedrale è di 8 euro e comprende anche l’audioguida – interessante ma un po’ ridondante. Spesso va più sul religioso che sullo storico. E per qualcuno interessato all’arte e alla storia e poco alla religione, è decisamente noioso.

La cattedrale di Toledo è il vero motivo per cui si va in questa città. È la seconda cattedrale più grande di Spagna, ed è testimonianza della potenza passata di Toledo. La facciata gotica è splendida, ma i veri tesori si trovano all’interno.

Nella sacrestia (e anche nelle navate laterali) infatti ci sono opere degne del museo del Prado: El Greco, Tiziano, Goya e Van Dyke. Purtroppo sia all’interno delle navate che nella sacrestia è proibito fare foto ed è un vero peccato, mi dovrete credere sulla parola ;-D

toledo

toledo

Chiesa di San Romàn

L’ingresso costa un solo euro; la guida regala una palla su due, ma visto il prezzo d’ingresso molto basso, decidiamo di entrare. Abbiamo fatto benissimo! Sono rimasta affascinata dallo stile moresco (chiamato mudejar) e dal magico mix con le raffigurazioni sacre.

Mi è sembrato un bell’ esempio di quello di cui è capace l’uomo.

Dipinti romanici alle pareti, arcate moresche, resti visigoti. È stata una bellissima sorpresa ed è la cosa che mi è piaciuta di più di Toledo. Più della cattedrale.

Una piccola avventura, di quelle che capitano viaggiando. Vedi un posto, sei indecisa se entrare o meno, segui l’istinto e BUM! Ti ritrovi catapultata in secoli di storia.

Si può salire anche sulla torre, attraverso strettissime scale.

toledo

toledo

Le porte

Avendo una bella cinta muraria, anche le porte di accesso sono ben conservate. Questa è la Puerta del Sol.

toledo


Entrando dentro la Puerta, si trova la Chiesa del Cristo de la Luz, un piccolo gioiello in mattoni mudejar.

toledo

Nella luce del tramonto riprendiamo il bus, stanchissimi ma felici. Visitare Toledo in un giorno non è una passeggiata, soprattutto d’estate.

Ma neanche così proibitivo e il bus è davvero molto comodo, lo consiglio caldamente. Anche perché il prezzo dei parcheggi è alto e il centro è tutto pedonale, la macchina non serve davvero.

Se state pensando di andare in Spagna, forse vi interessano i miei articoli su Salamanca, Avila o Valencia, oppure cliccate qui per tutti gli altri articoli sulla nazione iberica. 

 

Stazione bus

Cattedrale

Puerta del Sol

Iglesia de San Roman

Real Alcàzar

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l'ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d'arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de "I Cassiopei (biografie non autorizzate) e "Storia di Biagio".

error: Questo contenuto è protetto. Puoi chiedere il permesso all\'ADMIN