Volterra è uno dei comuni più belli della Toscana. In provincia di Pisa, ma a soli 40 chilometri da Firenze e poco più di un’ora di strada da Siena, è una meta da non perdere per gli amanti della storia, dell’arte, del buon cibo e delle location cinematografiche.

Un giorno a Volterra

Volterra è uno dei più antichi centri urbani della Toscana, secondo alcuni il più antico. Tracce di presenza umana riportano addirittura all’età del ferro.

Ma è a partire dal’VIII secolo a.C. che Velathri – Volterra – si fa notare.
Era infatti una delle dodici città che formavano la confederazione etrusca.

Se siete amanti di quel periodo storico, ma anche del Medioevo e del Rinascimento, Volterra è la città che fa per voi.

Strette vie fiancheggiate da chiese, palazzi medioevali che si aprono in grandi piazze,
Volterra è una città compatta, circondata da mura ed è perfetta per la classica gita di un giorno o, come dicono gli inglesi, one-day-trip da Siena, Pisa o Firenze.

Cosa Vedere a Volterra in un giorno.

Volterra è completamente circondata da mura e la sua posizione, sulla sommità di una collina come i più bei borghi toscani, la rende perfetta per essere girata a piedi.

Anche perché, il centro storico è interdetto al traffico (per fortuna!), quindi non ci sono alternative.

1) Cosa vedere a Volterra: Piazza dei Priori e Palazzo dei Priori

volterra palazzo dei priori

Non la potete mancare, è proprio sulla sommità della collina.

Piazza dei Priori ha una forma quasi quadrata, il pavimento è di selciato e pare che vi si svolgesse un mercato fin dall’850 d.C..
Si tratta di una delle più belle piazze medioevali d’Italia, circondata da palazzi severi e vicina al duomo, se avete visto la serie TV “I Medici”, vi sembrerà stranamente familiare.
Era infatti il Palazzo Vecchio mediceo della serie TV, con tanto di Loggia dei Lanzi a lato.

Nella Piazza si affaccia lo splendido Palazzo dei Priori, del 1200, oggi sede del Comune di Volterra. Nel Palazzo dei Priori si possono visitare la Sala del Consiglio e quella della Giunta.
Vi consiglio di farlo!

Nella Piazza dei Priori affacciano anche il Palazzo Vescovile (che nel medioevo era in realtà un granaio) e il Palazzo Pretorio, con la sua Torre del Porcellino.

Da Piazza dei Priori si vede il Duomo, al quale si accede dalla vicina Piazza San Giovanni. Accanto al Duomo, la Cappella dell’Addolorata e il campanile.

2) Fonte di Docciola

volterra fonte di docciola

È alla base della colline sulla quale è sita Volterra, per cui voi conviene vederla all’inizio del tour o alla fine. Altrimenti dovrete rifare la scalinata che porta alla città per due volte (sono 251 scalini)!

La Fonte di Docciola è la cosa che mi è piaciuta di più, insieme al Teatro Romano, non saprei dire perché.
Fu costruita intorno al 1200 da tale Maestro Stefano (c’è una targa che lo ricorda) e la sua acqua veniva usata dall’Arte della Lana per gli opifici vicini.

Se arrivate a Volterra in auto e parcheggiate fuori alla Porta omonima, sarà la prima cosa che incontrerete.

3) Le mura etrusche e le porte

volterra

Come tutte le cittadine di questo tipo, Volterra è circondata da mura e si accede al centro della città solo attraverso una delle numerose “porte”.

Sono tutte belle e, dall’interno verso l’esterno, incorniciano dall’alto la campagna toscana. È la vista più bella che ci sia al mondo, ma io sono di parte!

4) Cosa vedere a Volterra: il Teatro Romano

volterra teatro romano

Anche se siete abituati alle rovine romane, la vista sul Teatro Romano di Volterra da Via Lungo le Mura del Mandorlo, non è una che si scorda facilmente.

Il Teatro risale al primo decennio d.C., siamo nel periodo dell’imperatore Ottaviano Augusto. Si vede perfettamente la cavea, le gradinate, le scene e anche l’edificio termale che fu inserito più tardi.

5) La Fortezza

volterra

Purtroppo la Fortezza non si può visitare, è un carcere tutt’ora usato per ergastolani, ma la vista è certamente straordinaria.

La torre detta “Rocca Nuova” fu fatta costruire da Lorenzo de’ Medici, che aveva fatto modificare anche la struttura che c’era in precedenza, la Rocca Vecchia.

Accanto alla Fortezza, sorge l’acropoli etrusca, oggi all’interno del Parco Archeologico Enrico Fiumi.

6) Cosa vedere a Volterra: musei e altro

volterra

Ci sono tante altre cose da vedere a Volterra, soprattutto quattro musei che pare siano molto interessati – non li ho visitati perché la giornata in cui sono andata a visitare Volterra era bellissima e l’ho passata tutta a camminare per strada:
la Pinacoteca e il Museo Civico (nel Palazzo Solaini), il Museo dell’Opera del Duomo e dell’Arte Sacra, il Museo Etrusco Guarnacci e il Museo dell’Alabastro – per la lavorazione del quale Volterra è famosa in tutto il mondo.
Il Museo Etrusco è uno dei più visitati e mi è dispiaciuto non vederlo, ma è una scusa per tornarci quanto prima.

Volterra e i vampiri

Non ci crederete, ma Volterra è salita all’onore della cronaca del turismo internazionale grazie alla saga vampiresca “Twilight” di Stephanie Meyer.
Da quando è uscito il terzo libro “New Moon”, ma soprattutto dall’uscita del film (nel quale però la maggior parte delle scene era girato a Montepulciano) con Robert Pattinson e Kristen Stewart, Volterra è stata presa d’assalto da orde di ragazzine americane (e non). A volte il turismo si manipola davvero con poco!

Come mi disse il barcaiolo che mi accompagnava per una piccola crociera lungo i canali di Bruges: la città esiste da oltre 1000 anni e tutti vengono qui per vedere un cane!

*********************************************

📌 Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

volterra pin 2
volterra pin 3
volterra pin 1

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l'ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d'arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de "I Cassiopei (biografie non autorizzate) e "Storia di Biagio".

error: Questo contenuto è protetto.