Una delle meraviglie assolute del pianeta Terra, nel vostro itinerario in Giordania non può mancare una tappa nel Mar Morto.

In questo post, vi indico tutti i modi per visitare il Mar Morto da Amman, i consigli per fare il bagno nel luogo più figo del mondo e tutto quello che c’è da vedere nei dintorni.

Cos’è il Mar Morto

È un enorme lago salato, sito nel punto più basso del pianeta Terra: siamo a – 400 metri sul livello del mare.

Si trova alla foce del fiume Giordano (quello del sito del Battesimo di Gesù) e segna il confine tra la Giordania e Israele. Infatti, il lato orientale si trova in Giordania e quello occidentale nello stato di Israele.

In arabo si chiama al-Bahr al-Mayit ed è noto per essere la più grande spa al mondo. Fa parte della Great Rift Valley, una gigantesca faglia geologica che va dalla Turchia fino all’Africa Orientale.

Il nome Mar Morto deriva dalle acque insolitamente salate, capaci di uccidere qualsiasi forma di vita.
Ha una salinità di oltre il 30% (considerate che il mare ne ha al massimo 4%!) ed è alimentato unicamente dal fiume Giordano che, dalla Galilea, arriva fino a qui, senza però sfociare in mare.

Il caldo soffocante fa evaporare l’acqua a un ritmo di milioni di litri di acqua al giorno. Si crea una foschia densa e surreale, che impedisce ai raggi UVB di arrivare alla pelle. Non serve la crema solare!!!

Un lago che muore

Si stima che tra circa 40/50 anni il Mar Morto non esisterà più. Essendo alimentato solo dal Giordano, infatti, nel bacino che lo ospita arriva sempre meno acqua.
Sia la Giordania che Israele sfruttano il fiume santo come unica fonte di acqua dolce della zona, impedendo l’arrivo fino al grande lago salato.
L’acqua evapora in quantità superiore a quella che arriva. Da anni si parla di un enorme progetto faraonico tra Israele, la Giordania e la Palestina per portare l’acqua del Mar Rosso fino al Mar Morto.

Al momento, però, niente è stato fatto per risolvere il problema.

bagno nel mar morto

Arrivare al Mar Morto da Amman

Il Mar Morto si trova a circa un’ora di auto dalla capitale giordana. Dopo aver visto tutto quello che è possibile visitare ad Amman, andare sul Mar Morto è la perfetta gita da un giorno.

Come si arriva da Amman al Mar Morto?

Sono tre i modi con i quali da Amman si può arrivare al Mar Morto:

1) noleggiare un’auto, come abbiamo fatto noi, e percorrere tutta la strada, dritta e in discesa, in direzione Sweimeh, il villaggio che si trova all’estremo nord del Mar Morto. Da lì, continuate per meno di 10 chilometri sempre sulla stessa strada e arriverete alla zona dei grandi resort del Mar Morto.

2) Sfruttando uno dei tanti tour che da Amman, giornalmente, portano i turisti in queste zone e poi fanno rientro in serata nella capitale.

3) con i mezzi pubblici: ci sono degli autobus che dalla stazione di Muhajirin portano ad Amman Beach (vi dico sotto dove si trova). Il servizio però è garantito solo al venerdì; gli altri giorni, l’autobus parte solo se c’è richiesta.

Fare il bagno nel Mar Morto: dove farlo e consigli utili

Fare il bagno nel Mar Morto è un’esperienza che vi ricorderete per tutta la vita. L’altissima concentrazione di sale nell’acqua, rende impossibile nuotare: bisogna solo galleggiare come tappi di sughero! Per non parlare dei fanghi… Ma andiamo con ordine!

Dove fare il bagno

Non tutta la costa giordana del Mar Morto è accessibile, proprio a causa delle incrostazioni di sale che sono taglienti e pericolose. Nella zona a sud di Sweimeh, ci sono le spiagge più attrezzate, che rendono possibile la balneazione.
Arrivando dalla strada che da Amman conduce al Mar Morto, troverete la zona nella quale si concentrano tutti i resort. Si tratta di mega strutture, tutte con ristoranti, hotel e spiaggia privata.

Se decedete di restare una notte, dormire in uno di questi hotel è la scelta più intelligente. Vi indico sotto dove dormire sul Mar Morto senza lasciarci un rene.

Dopo la zona dei resort, troverete due spiagge “libere”: Amman Beach e O Beach. Sono rispettivamente a due chilometri e a quattro chilometri di distanza dalla zona degli hotel.

Ho messo l’aggettivo “libere” tra virgolette perché non sono di pertinenza di alcun resort, ma l’accesso è comunque a pagamento.
Amman Beach è la più economica, ha di fronte un parcheggio e un ristorante nel quale pranzare.

O Beach è la spiaggia lussuosa, con tanto di piscine a sfioro e sdraio imbottite. C’è la possibilità di noleggiare una capanna per 10 persone con Jacuzzi all’interno.

Fare il bagno nel Mar Morto: consigli utili

Come dicevo sopra, nel Mar Morto ci si limita a galleggiare. Non si riesce a nuotare ed è anche pericoloso.

Ecco alcuni consigli da tenere bene a mente per divertirvi senza farvi male:

  • Usate delle scarpette da sub. Il sale presente nell’acqua si cristallizza e può tagliare i piedi, sia mentre camminate sulla spiaggia, che mentre fate il bagno. Io ho acquistato queste scarpette da sub a pochissimi euro e non ho avuto problemi.
  • Non vi bagnate il viso. L’acqua del Mar Morto ha una consistenza oleosa, ricca di sali minerali. Sul corpo è piacevole, ma sul viso brucia come fosse acido! È per questo che nuotare è praticamente impossibile (oltre che per il fatto che non si riesce ad andare abbastanza sotto la superficie da spostare l’acqua per muoversi).
  • Fatevi un fango total body! Quando l’acqua del Mar Morto si ritira, lascia delle pozze con all’interno una fanghiglia (se scegliete la spiaggia di un hotel, troverete il fango raccolto in vasche per agevolarvi) preziosa come l’oro. Questo fango è famoso in tutto il mondo e acquistarlo in un negozio costa tantissimo. Ma qui è gratis, approfittatene! Io ho iniziato una sequenza di fango-bagno-doccia che è durata un’ora! Alla fine la mia pelle era morbidissima al tatto e completamente priva di impurità. Una libidine!
  • Comprate una protezione per il cellulare waterproof. Questa esperienza va immortalata, non c’è niente da fare. Io ho comprato questa custodia per il cellulare, per poterlo usare e fare le foto. Ha funzionato benissimo e può essere riciclata per le spiagge nostrane.
  • Non bagnatevi i capelli. L’acqua del Mar Morto sui capelli è allucinante, non vi basterà un litro di balsamo per farli tornare alla normalità. Io li ho tirati su, ma alcune ciocche alla base sono sfuggite. Non vi dico cosa ho dovuto fare per pettinarli.
  • Crema, crema, crema. Dopo il bagno e i fanghi, vi farete una doccia per portar via tutto il sale (le docce si trovano sulle spiagge). Fatta la doccia, spalmatevi una quantità assurda di crema per aiutare la pelle a reidratarsi dopo aver assorbito così tante sostanze tutte in una volta.

fanghi nel mar morto

Dove dormire sul Mar Morto

Sulla costa giordana del Mar Morto non esistono città, solo vari compound con resort internazionali. All’entrata dei compound c’è una guardia e si può entrare solo con la prenotazione. I resort sono abbastanza costosi. Si può anche pagare l’ingresso giornaliero per accedere unicamente alla spiaggia.

Ho letto di persone che hanno fatto il bagno senza andare nelle spiagge “internazionali”, ma siamo comunque in un paese musulmano e non sapendo come i locals si relazionassero con il mio bikini, non ho voluto rischiare inutilmente. All’interno dei resort, il bikini è ammesso. 

Noi scegliamo il Dead Sea SPA Hotel: il meno costoso di tutta l’area, ma è pulitissimo, moderno, con due ristoranti, piscine e accesso privato al Mar Morto. Colazione pantagruelica, lo consiglio davvero. Ci siamo tornati addirittura una seconda volta, mentre tornavamo dalla notte nel deserto del Wadi Rum.

Mettono a disposizione degli ospiti asciugamani da spiaggia e una vasca piena di fanghi da mettersi addosso. Sul viso, sulle braccia, sulle gambe, ovunque!
Dopo aver fatto un fango, lo lascio asciugare e, completamente ricoperta, faccio il mio primo bagno nel Mar Morto. Una di quelle cose che nella vita, vanno fatte!

I resort sul Mar Morto sono parecchio costosi, sono tutti 4 o 5 stelle. Se volete qualcosa di meno spartano, vi consiglio:

  • Dead Sea Marriot Resort & SPA: un grande classico. Uno dei resort della catena Merriot, ha piscine, due ristoranti, una steakhouse e dei lussuriosi giardini.
  • Mövenpick Resort & Spa Dead Sea: anche in questo caso si tratta di una lussuosa catena internazionale. All’interno del resort troverete ristoranti, piscine, un’area giochi per bambini e dei lussuriosi giardini.

visitare il mar morto da amman

Cosa visitare nei dintorni del Mar Morto (lato Giordania).

L’area giordana del Mar Morto è ricca di siti da visitare. Se optate per guidare un’auto privata, non perdetevi assolutamente il sito del battesimo di Gesù, a Betania Oltre il Giordano.

Molto bella da visitare è anche la riserva della Biosfera del Mujib, con sentieri da percorrere che attraversano spettacolari canyon.

Più a sud, quasi alla fine del Mar Morto, è stato costruito un belvedere su un pendio, che offre dei panorami spettacolari soprattutto alla sera, quando la foschia si dirada. Si chiama Dead Sea Panorama.

La mia esperienza

La Giordania è relativamente piccola e Amman può essere scelta come base per far tappa quasi ovunque.
Dopo aver visitato Amman, con il suo caos e la sua brezza, potete a questo punto noleggiare un’auto e scendere all’inferno, verso il Mar Morto.

Uso l’espressione “scendere all’inferno” perché vi renderete conto che, una volta lasciata la capitale, la strada sarà tutta in discesa. Un’ora di strada che scende, scende e scende, mentre la temperatura sale e sale e sale. Se Amman è a 1000 metri sul livello del mare, il Mar Morto è a – 400 metri sul livello del mare. Quindi in poco più di un’ora, farete un dislivello di 1400 metri. Li sentirete tutti, soprattutto a livello di temperatura!

Quando noi arriviamo sul Mar Morto, dopo circa un’ora di strada da Amman, ci sono 48 gradi.
Il cielo è lattiginoso.

Fa così caldo che l’acqua evapora in quantità enorme e sul Mar Morto si crea una nebbia fitta. Così fitta che i raggi del sole non riescono a penetrarla. E questo fa sì che nel Mar Morto non serva la crema solare. Neanche per le mozzarelline come me! I raggi UVA non passano.

L’acqua è caldissima, ma comunque fresca rispetto alla temperatura esterna. Camminare nell’acqua è difficile come avevo letto. La salinità spinge verso l’alto e l’unica cosa è mettersi a pancia in su e galleggiare come tappi di sughero.
Fate attenzione che l’acqua non vi schizzi in faccia o negli occhi o in bocca. Toglietevi il fango dalla faccia con l’acqua dolce che è a disposizione a pochi metri dalla vasca dei fanghi.

L’acqua del Mar Morto ha una consistenza oleosa, ma lascia una pelle morbidissima! Non so quante volte faccio il fango e mi tuffo in acqua. È l’unico modo per sopravvivere alla temperatura esterna del punto più basso della terra.

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l'ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d'arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de "I Cassiopei (biografie non autorizzate) e "Storia di Biagio".

Valuta il post post