Se state visitando Siena o avete intenzione di farlo in futuro, non potete prescindere dal visitare quella che è chiamata l’acropoli senese, in Piazza Duomo: il Complesso museale della Cattedrale e l’Ospedale di Santa Maria della Scala.

Rimarrete stupiti dalla magnificenza della facciata e dell’esterno della Cattedrale, ma ancora di più dai tesori che vi aspettano all’interno del Duomo di Siena. Vi lavorarono artisti come Duccio di Boninsegna, Donatello, Michelangelo, Pinturicchio e il Bernini, solo per citarne alcuni.

Anche se non siete interessati alle chiese, il Duomo di Siena è un luogo in cui si respira arte e storia, nel quale lumanità ha espresso il meglio di sé.

Biglietti per il Duomo di Siena: saltare la fila

Il modo migliore per assicurarsi un posto senza fare file o rischiare di non essere ammessi all’interno, è quello di prenotare i biglietti on line sul sito ufficiale.

I biglietti possono essere prenotati in due modi:

  1. Acquistandoli on line dal sito dell’Opera del Duomo e pagandoli immediatamente tramite la piattaforma (cliccando sul pulsante “ACQUISTA BIGLIETTI”
  2. Inviando una email a [email protected], inserendo il numero delle persone e l’orario di ingresso. Vi arriverà una risposta con indicate tutte le informazioni. A quel punto, all’ora indicata nella email (circa 30 minuti prima dell’ingresso), vi presenterete in Piazza Duomo, pagherete i biglietti e li ritirerete per l’ingresso.

Considerate che, anche se si tratta di una chiesa, l’ingresso è ammesso solo con biglietto alla mano, anche per i residenti nel comune di Siena. L’accesso, per una serie di soggetti di cui vi dirò, è gratuito, ma il biglietto è comunque necessario.

Il costo del biglietto di accesso al complesso monumentale varia a seconda di tre fattori: se è aperta la cosiddetta “Porta del Cielo”, se è scoperto il “Pavimento del Duomo”, oppure no.

Le aperture della Porta del Cielo e del Pavimento del Duomo sono occasionali, quindi è sempre meglio controllare sul sito dell’Opera del Duomo.
Consiglio vivamente la visita, in caso di apertura. Sono due esperienze incredibili, che non vorrete certo perdere.

Biglietti on line salta fila

Come dicevo, il modo per saltare la fila alla biglietteria è quello di acquistare e pagare i biglietti on line, che però prevede un costo per i diritti di vendita di 1 euro. Io ho preferito inviare una email, prenotando ma pagando i biglietti in loco. Mi sono trovata benissimo.

I biglietti salta-fila con ingresso prioritario possono anche essere acquistati on line.

Biglietto Porta del Cielo All inclusive

Il biglietto che comprende tutto quello che c’è da visitare all’interno del complesso, inclusa la Porta del Cielo, dura tre giorni e può essere acquistato on line sul sito dell’Opera del Duomo nei modi che ho spiegato sopra.

Questi sono i costi:
20 Euro il biglietto intero (i residenti pagano 15)
5 euro i bambini tra i 7 e gli 11 anni
gratis i bambini sotto i sei anni.

duomo di siena

Il biglietto OPA SI PASS

Il biglietto che include la visita tutto il complesso, esclusa la Porta del Cielo, dura tre giorni epuò essere acquistato on line sul sito dell’Opera del Duomo nei modi che ho spiegato sopra.

Questi sono i costi:
8 Euro il biglietto INTERO, che nel periodo natalizio passa a 13 Euro.
2 euro i bambini tra i 7 e gli 11 anni
Gratis i bambini sotto i sei anni.

ATTENZIONE: Durante l’apertura del Pavimento del Duomo, il costo del biglietto intero passa a 15 Euro.

Entrano gratis:
• Bambini fino a 6 anni d’età
• Residenti e nati nel Comune di Siena
• Giornalisti accreditati
• Disabili con accompagnatore
• Religiosi
• Studenti dell’Università di Siena e dell’Università per Stranieri
• Gruppi parrocchiali dell’Arcidiocesi di Siena muniti di lettera del Parroco

Per tutte le informazioni, prenotazioni anche di visite guidate e per l’emissione del biglietto OPA SI PASS, si può chiamare il numero 0577 286300 oppure inviare una email a [email protected].

Visite Guidate al complesso del Duomo di Siena

È possibile prenotare una visita guidata al complesso solo con le guide autorizzate dall’Opera del Duomo di Siena. Si può prenotare una visita direttamente in biglietteria o chiamando il numero di telefono 0577 286300.

porta del cielo duomo di siena

Cosa vedere nel complesso monumentale del Duomo di Siena

L’interno della cattedrale

Il Duomo di Siena, sito nella parte più alta della città nell’omonima Piazza Duomo, è uno degli esempi più importanti di cattedrale romanico-gotica italiana.
Probabilmente fu costruito sopra una chiesa precedente del IX secolo, dedicata alla Madonna, sorta a sua volta su un precedente tempio consacrato a Minerva. Secondo la tradizione il nucleo iniziale dell’attuale edificio fu consacrato nel 1179, alla presenza del papa senese Alessandro III Bandinelli, dopo l’avvenuta pace con Federico Barbarossa.

Per quanto spettacolare e maestoso sia all’esterno, è l’interno del Duomo che incanta e stupisce. Contiene opere di Donatello, Michelangelo, Duccio di Boninsegna e del Bernini.
Per questo, affrontare la visita con una guida specializzata a mio parere è il modo migliore per godersela.

Io sono sempre rimasta incantata dalla selva di colonne di marmo bicolore, è un

Il Pavimento del Duomo di Siena

Secondo Giorgio Vasari il Pavimento della Cattedrale senese è “il più bello…, grande e magnifico… che mai fusse stato fatto”.

Cos’ha di speciale? È un gigantesco complesso marmoreo policromo, realizzato negli anni che vanno dal ‘300 all’800. È composto da 56 tarsie (enormi quadrati separati tra loro da greche) tutte in marmo colorato, realizzate da artisti senesi tranne una, la tarsia con il Monte della Sapienza, realizzata dal Pinturicchio nel 1505.

Tutte le tarsie sono un costante invito alla sapienza.

All’ingresso della navata centrale un incisione avvisa il visitatore “CASTISSIMUM VIRGINIS TEMPLUM CASTE MEMENTO INGREDI”: ricordati di entrare castamente nel castissimo tempio della Vergine.

Le tarsie che ho sempre preferito sopra le altre sono quelle delle Sibille, 10 in totale, divise nelle due navate laterali. Prendono i loro nomi dai luoghi di appartenenza geografica: la Sibilla Persica, quella Ellespontica, l’Eritrea, la Frigia, la Samia, la Delfica per quanto riguarda il fronte orientale; la Libica per il continente africano e la Cumea o Cimmeria, la Cumana e la Tiburtina per le Sibille occidentali.

Proseguendo, scene dalla Bibbia vi si apriranno di fronte, fino ad arrivare alle tarsie del Beccafumi (nel transetto), che perfezionò talmente tanto la tecnica marmorea, da fare addirittura dei chiaroscuri. È un capolavoro unico al mondo.

pavimento duomo di siena

La Porta del Cielo

Fate conto di avere le ali e di poter volare nelle soffitte del Duomo di Siena, guardando dall’alto non solo tutta la Cattedrale, ma uscendo nei piccoli corridoi per ammirare la città dall’acropoli e infilandovi nelle soffitte per vedere come effettivamente funzioni il Duomo.

Questa è la Porta del Cielo. È un persorso che si snoda sui tetti della Cattedrale, affacciandosi anche, per lunghi tratti, al suo interno. È aperta raramente ai visitatori, per cui se ne avete la possibilità, controllate le aperture e non perdete tempo: prenotate il biglietto. Ne vale davvero la pena.

La Libreria Piccolomini

Insieme alle Sibille del Pavimento, forse la Libreria Piccolomini è la mia parte preferita. È stata affrescata dal Pinturicchio tra il 1503 e il 1508, con scene tratte dalla vita di Pio II. I colori vividissimi e sembra che siano stati posati solo poche ore prima.

La manutenzione è perfetta.

libreria piccolomini duomo di siena

Il Panorama dal Duomo Nuovo

Quello che i senesi chiamano il Facciatone, avrebbe in realtà dovuto essere la navata principale del Duomo Nuovo di Siena. La mancanza di soldi (dovuta all’epidemia di peste) e il fatto che la struttura fosse talmente pesante da far crollare la collina, indussero le maestranze dell’epoca ad abbandonare l’idea.

Il facciatone non fu mai demolito e oggi è uno dei punti panoramici più belli di Siena.

faccione duomo nuovo di siena

Il Museo dell’Opera

Sito a metà strada tra il Duomo e il Facciatone (l’entrata è appena sopra la scalinata che porta al Battistero), il Museo dell’Opera è uno dei più antichi musei privati d’Italia. Ospita le statue originale della facciata della Cattedrale senese, ma non solo.

Al suo interno si possono trovare opere di Donatello, Jacopo della Quercia e la più famosa di tutte: la Maestà di Duccio di Boninsegna. Anche in questo caso l’ausilio di una visita guidata renderà tutto molto più interessante. Le visite guidate nel museo si possono prenotare direttamente alla biglietteria o chiamando il numero di telefono +39 0577 286300.

La Cripta

La Cripta è la scoperta più recente del complesso del Duomo.

I lavori per il recupero dell’Oratorio di S. Giovannino e S. Gennaro portarono, nel 1999, a questa splendida scoperta: un ambiente nuovo, completamente affrescato da pittori senesi del 1200, sito sotto il coro della Cattedrale.
Gli affreschi sono coloratissimi, divisi tra le rappresentazioni del Vecchio Testamento e del Nuovo Testamento.

Il Battistero di San Giovanni

Si accede al Battistero di San Giovanni dalla bellissima scalinata che sale da Piazza Jacopo della Quercia. Il Battistero è un’opera del primo Rinascimento e ospita opere di maestri come Donatello e Jacopo della Quercia.

È famoso soprattutto per le scene dipinte dal Vecchietta e che narrano gli Articoli del Credo.

L’Oratorio di San Bernardino e Museo Diocesano di arte sacra

Struttura tardo medioevale, rifatta completamente nel 1500, ospita opere di artisti quali Domenico Beccafumi, Giovanni Antonio Bazzi detto il “Sodoma” e Girolamo Pacchia.

porta del cielo

Informazioni pratiche sul Duomo di Siena

Durata biglietto OPA SI PASS: 3 giorni
Orari di apertura: dalle 10.30 alle 18.00
Come arrivare: il centro storico di Siena è chiuso al traffico, si può arrivare solo a piedi. Il parcheggio più vicino è Il Campo.

***************************************************

Questo post contiene dei link affiliati (sono collegamenti che, se cliccati, portano a noi una piccola percentuale sulla vendita effettuata, ma non hanno nessuna maggiorazione sul costo per voi). Servono a pagare lo spazio web. 

***************************************************

📌 Ti è piaciuto? Salvalo su Pinterest!

francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l’ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d’arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de “I Cassiopei (biografie non autorizzate) e “Storia di Biagio”.


Last Updated on 16 Ottobre 2020 by Francesca

error: Questo contenuto è protetto.