In questo post vi indico le migliori 7 cose da vedere a Cordoba, l’affascinante città spagnola che non deve assolutamente mancare nel vostro itinerario in Andalusia. 

Pensando a Cordoba, la prima parola che mi viene in mente è accecante.
Il bianco dei muri delle case, i vicoli strettissimi dove il sole riflette tutta la luce delle estati andaluse, qualsiasi cosa a Cordoba va guardata con gli occhiali da sole. Ci sono tante cose da vedere a Cordoba, è una città relativamente piccola ma con una storia millenaria e affascinante, che ha lasciato in eredità decine di siti storici da visitare.

Se arrivate a Cordoba per la prima volta, vi consiglio di partecipare a un free tour per farvi un’idea della città. Le visite guidate sono utili perché, come vi dirò più avanti, perdersi per i vicoli della Juderia è facilissimo. Avere una guida la prima volta che la si affronta, è molto utile!

Cordoba è perfetta da visitare in un giorno, ma se avete più tempo, dedicatele almeno due giorni: dormire qui e passeggiare per le sue stradine di sera, non ha prezzo!

Juderìa Crodoba

Visitare Cordoba: consigli al volo

Cordoba non deve assolutamente mancare in un tour dell’Andalusia: è una delle città più gettonate e amate dai turisti di tutto il mondo. In primavera, estate e autunno è sempre molto affollata. Il mio consiglio, se arrivate con un’auto propria, è di  scegliere un hotel nel centro storico, magari proprio nel quartiere della Juderia, per poi muovervi esclusivamente a piedi. 

Date un’occhiata allHotel Boutique Patio del Posadero, che ha un parcheggio per gli ospiti, oltre alla piscina e al servizio in camera e oltretutto ha il vantaggio di essere nella città vecchia.

Inoltre, se volete visitare la Mezquita (e vi consiglio caldamente di farlo!), considerate di acquistare il biglietto combo per un tour privato che includa anche il biglietto di entrata per il Real Alcazar: risparmierete tempo e denaro.

Vi piace il flamenco? A Cordoba avrete la possibilità di partecipare a una cena con spettacolo di flamenco, tutto nello stesso locale. Cliccate qui per prenotare!

Il miglior periodo per visitare Cordoba è la primavera, senza dubbio. Io sono andata all’inizio dell’estate, a giugno. Era già parecchio caldo, ma a me non dispiace e mi sono goduta Cordoba lo stesso.

Cosa vedere a Cordoba: 7 meraviglie da non perdere assolutamente

Cordoba è una città antichissima; si pensa che il nome derivi da coteba che in siriano vuol dire frantoio.

I fenici infatti risalivano il Rio Guadalquivir, che a quel tempo era navigabile fin lì, per commerciare il pregiato olio d’oliva locale. Essendo stata conquistata da vari popoli durante i secoli, profondamente diversi tra loro, visitare Cordoba è come fare un salto nello spazio e nel tempo: resti romani, palazzi reali moreschi, cattedrali cristiane e moschee musulmane.

A Cordoba troverete praticamente tutto!
patio di Cordoba

La Juderìa

La parte più bella di Cordoba è, a mio parere, la zona denominata Juderia. Tutta la storia di Cordoba si ritrova qui: la parte che riunisce i vecchi quartieri arabi ed ebraici, che formano il centro storico.

Inizia in Avenida del Gran Capitan e finisce in prossimità della Mezquita. 

Sarete accolti da un dedalo di viuzze strette e alte, completamente dipinte di bianco, nelle quali è facilissimo perdersi. All’interno del quartiere, si trova una delle tre sinagoghe spagnole sopravvissute all’espulsione degli ebrei del 1492. È in questa zona anche la strada più famosa di Cordova: Callejon de las Flores.

Un viale fiancheggiato da case imbiancate con balconi, che in estate sono adornati di gerani di tutti i colori.

ùCamminando per i vicoli della Juderia, sono totalmente rapita dalla bellezza dei suoi patios che si intravedono attraverso le rejas (inferriate in ferro battuto).

Gli andalusi sono talmente fieri dei loro patios che, a metà maggio, Cordoba ospita addirittura il Festival de los patios.
Perdersi tra i vicoli della Juderìa è facilissimo, sono tutti uguali, il quartiere è praticamente un enorme labirinto.

La zona è tutta pedonale e quando arriviamo, trascinando le valige nel primo pomeriggio di giugno, in giro non c’è nessuno. Tutti dentro casa a fare la siesta.
Giriamo intorno alle solite due strade per mezz’ora, prima di riuscire a trovare il vicolo in cui si trova il nostro albergo e che si chiama, manco a dirlo, Los Patios.

juderìa cordoba

patio cordoba

Alcàzar de los Reyes Cristianos

Questo gigantesco palazzo fortezza denominato Alcàzar fu ultimato nel XIV secolo.

Oggi ospita un museo comunale.

In origine sorgeva accanto alla Mezquita, ma dopo la reconquista cristiana fu costruito in questo sito.

I suoi inquilini più famosi furono senz’altro Ferdinando e Isabella, che vi ricevettero Cristoforo Colombo nel 1486.

Nei giardini adiacenti, si trovano due statue a ricordo dell’evento. Per tre secoli ospitò addirittura l’Inquisizione e, in seguito fino ai primi anni del novecento, fu una prigione.

L’Alcàzar è il sito, dopo la Mezquita, più visitato di Cordoba. Il mio consiglio è di vederlo al mattino presto, quando il caldo ancora non è troppo atroce, ma di acquistare i biglietti online per evitare di perdere tempo.

La parte più bella dell’Alcàzar sono senz’altro gli splendidi giardini in stile moresco, disseminati di resti romani. All’interno dell’Alcàzar sono stati trasportati anche alcuni dei mosaici mosaici romani rinvenuti in varie parti della città durante scavi archeologici.

cose da vedere a cordoba

cordoba alcazar

Banis Califales

Adiacenti all’Alcàzar, si possono oggi ammirare le rovine di un hamman arabo del X secolo.

Si può entrare con lo stesso biglietto pagato per entrare all’Alcazar. All’interno si visitano le stanze da bagno a diversa temperatura illuminate da finestre originali del tempo.

alcazar jardin cordoba

Jardín Botanico

Poco lontano dall’Alcàzar, lungo il fiume, si trova il nuovo giardino botanico, ricchissimo di serre con varie piante esotiche, piante grasse, cactus e felci.

All’interno c’è anche un curiosissimo museo paleobotanico, che ospita circa 150.000 specie di piante fossili.

Puente Romano

La vista più bella su Cordoba e sulla Mezquita si gode senz’altro dal Puente Romano.

Il Puente Romano è quello che mi ricordo più vividamente di Cordoba. Sarà stata la luce rosata del tramonto andaluso, ma quando penso a Cordoba mi viene in mente questo.

Si tratta di una imponente costruzione di 250 metri, oggi completamente pedonale, che attraversa il fiume Guadalquivir.

Fu costruito probabilmente nel I o II secolo d.C. e ritoccato più volte durante i secoli. Nel 2007 il ciottolato originale è stato sostituito da una pavimentazione in pietra in pietra rossa. Alla fine del ponte romano si trova la Torre della Calahorra, una torre di origine medievale che oggi ospita un piccolo museo.

È possibile salire sulla torre per osservare il panorama sulla città.

Puente Romano Cordoba

La Mezquita o Grande Moschea

La Mezquita è il monumento più famoso di Cordoba, la moschea più grandiosa mai costruita dai mori.

Si tratta di un luogo speciale e bellissimo, che non smetterò mai di consigliare. È un’opportunità più unica che rara di visitare un luogo importantissimo per le due religioni monoteiste con più fedeli al mondo.

Leggete il mio post su come visitare la Mezquita di Cordoba per tutte le informazioni necessarie.

S non avete tempo, cliccate qui per prenotare i biglietti d’entrata. 

Mezquita Cordoba Andalusia

Plaza del Potro 

A est della Mezquita si trova Plaza del Potro. 

Si tratta di una piazza molto antica, che prende il nome dal puledro che adorna la fontana del XVI secolo. In questo luogo si riunivano i mercanti di cavalli e di muli (citati anche nel Don Chisciotte).

Plaza de la Corredera

Adiacente alla piazza precedente, si trova Plaza de la Corredera.

La riconoscerete perché si tratta di una piazza circondata da un colonnato, restaurato da poco, unica nel suo genere in tutta l’Andalusia. Fu realizzata intorno al XVII secolo per ospitare spettacoli popolari, inclusi i roghi dell’Inquisizione e le corride.

Sul lato orientale si vede ancora il recinto per i tori. Oggi, vi troverete decine di locali con tavoli all’aperto, affollatissimi durante le serate estive.

Juderia Cordoba

Gli andalusi sanno come festeggiare! Un pomeriggio di domenica, mentre ci prepariamo a lasciare Cordoba, siamo attirati dalla folla che si accalca da un lato della Mezquita.

Cavalli, canti e donne gitane che ballano il flamenco ci accolgono e ci invitano a guardare. Non ho mai capito che ricorrenza fosse, ma certo Cordoba ci ha salutati in maniera indimenticabile!

imm 357

Gitane cordoba

Cosa vedere nei dintorni di Cordoba

Se avete tempo, anche nei dintorni di Cordoba ci sono delle cose davvero interessanti da vedere.

Medina Azahara: a circa 7 chilometri a nord ovest di Cordoba, si trova un sito assolutamente eccezionale. Si tratta di un complesso gigantesco, fatto costruire intorno dal 936 d.C. dal califfo Abd ar-Rahamn III in onore della sua terza moglie az-Zahra. Si tratta di un sito che in gran parte deve ancora essere scavato e scoperto, ma le dimensioni sono già incredibili. Cliccate qui per prenotare l’escursione guidata. 

Almodóvar del Rio: a meno di 20 chilometri a ovest di Cordoba, si trova questo imponente castello dellVIII secolo, di proprietà oggi del Marques de Motillas.

Campina Cordobesa: a sud di cordoba si stende invece quella che è una vera e propria ruta del vino: una campagna fertile coltivata a vite, apprezzatissima dai sommelier di tutto il mondo.

Mérida: non finirò mai di decantare le lodi a quella che è definita la “Roma di Spagna”. Cliccate qui per sapere cosa vedere a Mérida. Oppure, fatevi un giro nella vicina Granada.

alcazar cordoba

Dove dormire a Cordoba

Noi abbiamo scelto il b&b Los Patios, comodo, economico a molto bello, in pieno centro, proprio accanto alla Mezquita. Ve lo consiglio perché ci siamo trovati davvero bene. È abbastanza spartano.

Se avete voglia di qualcosa di meno semplice, cliccate qui per avere altri consigli su hotel a Cordoba. 

*****************************************************

Vi è piaciuta Cordoba? Leggete tutti quello che abbiamo scritto sulla Spagna!

*************************************************

Ti è piaciuto? Pinnalo!

cosa vedere cordoba andalucia spagna

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l'ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d'arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de "I Cassiopei (biografie non autorizzate) e "Storia di Biagio".

5/5 - (6 votes)