Il Castello di Windsor si trova a ovest di Londra, all’interno dell’omonima cittadina. Dista dalla capitale britannica meno di un’ora di treno. È la perfetta gita da un giorno.

Castello di Windsor: come arrivare

Noi abbiamo viaggiato in treno con la South West Railway.

I treni partono dalla stazione di London Paddington – ce ne sono tantissimi, almeno uno all’ora, ma nei giorni feriali anche di più – e arrivano alla Windsor & Eton Central Station. Da lì si prosegue a piedi per il Castello; sono circa 10 minuti a piedi attraverso il delizioso paesino di Windsor.

Se non avete voglia di andare alla stazione, ci sono dei tour che, oltre al biglietto di ingresso al castello, includono anche il trasferimento con auto privata. Cliccate qui per saperne di più.

Windsor è una cittadina molto carina, ma chiaramente l’attrazione principale è il suo Castello. Sovrasta tutto dalla collina sulla quale fu costruito, nel 1070, da Guglielmo il Conquistatore.

Castello di Windsor

Castello di Windsor: orari, biglietti, tour

Il Castello è aperto con diversi orari a seconda della stagione:

– dal 1 marzo al 31 ottobre dalle 10 alle 17,30 (alle 16 chiude la biglietteria);

– dal 3 dicembre al 28 febbraio dalle 10 alle 16,30 (la biglietteria chiude alle 15).

Il prezzo del biglietto è molto alto, ma vale la pena spendere così tanti soldi se vi interessa la storia in generale (e quella del Castello) – bisogna però fare attenzione a una cosa: a seconda degli eventi che si tengono all’interno del Castello, alcune sale potrebbero essere chiuse.  Windsor è un castello abitato e non sempre è possibile fare il tour completo. Generalmente si possono visitare solo gli State Apartments, la Drawings Gallery, la Queen Mary’s Dolls’ House e la St George’s Chapel.

Quest’ultima (dove si sono sposati Henry e Megan e dove è stato sepolto il Principe Filippo di Edimburgo) è aperta solo nei giorni di lunedì, giovedì’, venerdì e sabato. Vi consiglio caldamente di visitarla perché, eventi mondani a parte, è il luogo dove è sepolto Enrico VIII, la sua terza e amata moglie Jane Saymour e il suo migliore amico Charles Brendon. Avete mai visto la serie TV i Tudor?!

Prezzo dei biglietti:

– adulti 23,50 sterline;

– studenti e over sessanta 21,20 sterline;

– bambini dai 5 ai 16 anni e disabili 13,50 sterline;

– famiglie (due adulti e fino a 3 bambini sotto i 16 anni) 60,50 sterline.

Sul sito ufficiale, c’è anche la possibilità di prenotare il biglietto: cliccate qui accedere direttamente alla prenotazione.

Il Castello di Windsor: storia

È il più grande e antico castello abitato al mondo, occupato come residenza da una famiglia reale britannica – ininterrottamente – fin dalla sua costruzione.

Il nucleo originale era in legno e pietra. Il re normanno William The Conqueror lo fece edificare nella posizione attuale perché era ad una sola giornata di distanza dalla Torre di Londra, che aveva scelto come base.

I monarchi successivi hanno apportato i cambiamenti fino a renderlo come è oggi. Alcuni però, come Giorgio V, lo hanno amato talmente tanto da scegliere per sé e la sua casata il nome di Windsor.

Il Castello di Windsor è una delle residenze ufficiali della Regina d’Inghilterra.

 È costruito totalmente in pietra e toglie il fiato per quanto è imponente e dal fascino terribilmente inglese. Visitandolo si può avere un minimo indizio di quello che voglia dire vivere da re (o regine).

Castello di Windsor

Chiaramente fare foto all’interno è proibito, bisogna accontentarsi degli esterni.

Gli interni sono affascinanti e curati. L’audioguida (a pagamento) è interessantissima.

La Stanza delle bambole della Regina Mary è il pezzo forte, nel senso che è una cosa mai vista prima: se da bambina avessi potuto giocare con una cosa del genere, è chiaro che sarei diventata Regina anche io.

Non ve la dovete assolutamente perdere.

Se vi ricordate nel 1992 un incendio devastò la St. George Hall, ma fu subito ricostruita e di tutta la devastazione non rimane altro che un pannello informativo a ricordare l’episodio.

Quando la Regina si trova all’interno del Castello di Windsor, il suo vessillo sventola dalla Round Tower. Per cui se volete prendere un thè con Bettina, sapete quando andare.

Castello di Windsor

Il Castello di Windsor e gli ospiti illustri: la formula Dine and Sleep

Quando la Regina ospita dei capi di stato stranieri, lo fa con la formula “Dine and Sleep”, cioè cena e dormi (un bed & breakfast esteso, praticamente).

Cenano nella St. George’s Hall, che è perfetta per i banchetti di Stato e può ospitare fino a 160 persone. Si spostano poi nella Royal Library e infine vanno a dormire. La mattina, dopo la colazione, gli ospiti lasciano il castello.

Castello di Windsor

La visita al Castello finisce con la splendida St. George’s Chapel, casa spirituale dell’Ordine della Giarrettiera (Order of the Garter), l’ordine cavalleresco più antico al mondo e del quale la nostra Queen Elizabeth II è chiaramente a capo. Insieme a lei ne fanno parte il Principe di Galles (Carlo) e altri 24 cavalieri, oltre ai Cavalieri Reali e ai Cavalieri Stranieri.

Castello di Windsor

Il Castello di Windsor è davvero sconfinato e anche se si possono visitare solo poche stanze, non vi affrettate e prendetevi il vostro tempo. La durata della visita è stabilita in due ore e mezzo, ma noi siamo stati molto di più. Siamo arrivati in tarda mattinata e andati via al tramonto.

E come si vede dalle ultime foto, abbiamo fatto benissimo ad aspettare la golden hour al Castello di Windsor.

Castello di Windsor

 

************************************************************************************************

Se siete a Londra e volete fare un giro nei dintorni, leggete i miei articoli:

Oppure cliccate qui per tutti gli altri articoli sulla capitale britannica.

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l'ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d'arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de "I Cassiopei (biografie non autorizzate) e "Storia di Biagio".