In questo post vi dirò tutto quello che c’è da sapere per visitare il Castello di Windsor, come arrivarci, dove acquistare i biglietti e altre informazioni utili per godersi una delle migliori gite di un giorno fuori Londra.

Se siete a Londra e cercate una cosa da vedere a breve distanza, non c’è miglior escursione da fare che quella al Castello di Windsor.

Si trova a poche decine di minuti di treno dalla capitale britannica ed è assolutamente strepitoso. Io me ne sono innamorata perdutamente, vorrei seriamente viverci dentro!

Proprio come Buckingham Palace, si tratta di una delle residenze ufficiali della Corona Britannica e, in questa guida al Castello di Windsor, cercherò di darvi tutte le informazioni necessarie per arrivarci, acquistare i biglietti saltando la fila e altri consigli per visitarlo senza problemi.

Non avete tempo di leggere tutto il post? Cliccate qui per prenotare la visita al Castello di Windsor da Londra (trasporto incluso!)

Castello di Windsor

Cos’è il Castello di Windsor e perché vale la pena visitarlo

Quello di Windsor è il più grande e antico castello abitato al mondo, occupato come residenza da una famiglia reale britannica – ininterrottamente – fin dalla sua costruzione.

Il nucleo originale era in legno e pietra.

Il re normanno Guglielmo il Conquistatore lo fece edificare nella posizione attuale, perché era a una sola giornata di viaggio dalla Torre di Londra, che aveva scelto come base.

I monarchi successivi hanno apportato i cambiamenti che lo hanno reso come lo vediamo oggi.

Alcuni però, come Giorgio V, lo hanno amato talmente tanto da scegliere per sé e la sua casata il nome di Windsor.

Il Castello di Windsor è una delle residenze ufficiali della Regina d’Inghilterra.

 È costruito totalmente in pietra e toglie il fiato per quanto è imponente e dal fascino terribilmente inglese.

Visitandolo, si può avere un minimo indizio di quello che voglia dire vivere da re (o regine).

Fare foto all’interno è proibito, bisogna accontentarsi degli esterni. Gli interni sono affascinanti e curati. L’audioguida (a pagamento) è interessantissima.

La Stanza delle bambole della Regina Mary è il pezzo forte, nel senso che è una cosa mai vista prima: se da bambina avessi potuto giocare con una cosa del genere, è chiaro che sarei diventata regina anche io.

Non ve la dovete assolutamente perdere.

Se vi ricordate, nel 1992 un incendio devastò la St. George Hall, ma fu subito ricostruita e di tutta la devastazione non rimane altro che un pannello informativo a ricordare l’episodio.

Quando il Re si trova all’interno del Castello di Windsor, il suo vessillo sventola dalla Round Tower. Per cui, se volete prendere un tè con Carlo, sapete quando andare a bussargli.

Castello di Windsor

Il Castello di Windsor e gli ospiti illustri: la formula Dine and Sleep

Quando il Re ospita capi di stato stranieri, lo fa con la formula “Dine and Sleep”, cioè cena e dormi (un bed & breakfast esteso, praticamente).

Cenano nella Gran Reception Room, che è perfetta per i banchetti di Stato, visto che può ospitare fino a 160 persone.

Si spostano poi nella Royal Library e infine vanno a dormire. La mattina, dopo la colazione, gli ospiti lasciano il castello.

Dove si trova il Castello di Windsor?

Il Castello si trova nella cittadina di Windsor, a circa 40 chilometri a ovest di Londra. La zona si chiama Royal Borough of Windsor e Maidenhead, nella contea del Berkshire, e conta circa 140 mila abitanti.

Windsor è deliziosa, ha un centro storico davvero gradevole da visitare. Se vi avanza tempo, fate un giro anche all’esterno del castello per ammirare le stradine dell’old town.

Come arrivare al Castello di Windsor

Ci sono numerose opzioni per arrivare al Castello di Windsor, a seconda di quanta voglia abbiate di darvi da fare.

Vediamole tutte:

  • → Treno: la stazione di arrivo più vicina è Windsor & Eton Central; ce n’è un’altra che si chiama Windsor & Eton Riverside, ma io sono arrivata alla prima. È vicina al castello, circa 10/15 minuti a piedi. I treni per Windsor Centrale partono dalla stazione di Londra Paddington e, se scegliete treni veloci, impiegano circa 25 minuti per arrivare a destinazione. Andate sul sito ufficiale della National Rail Enquiries per costi e orari precisi.
  • → Bus: ci sono due compagnie di bus che da Londra portano a Windsor: la Green Line 702 parte dalla Greenline Coach Station, vicino a Victoria Station mentre la Surbiton Coaches parte dalla stazione dell’Hampton Court Palace.
  • → Auto: da Londra, prendete l’autostrada M4 in direzione ovest, che porta dritta a Slough e poi a Windsor. Ci impiegherete, in condizioni normali di traffico, circa un’ora. Attenzione però: il castello non ha parcheggio per i visitatori. Dovrete usufruire di uno dei parcheggi pubblici nelle vicinanze.

Altre opzioni per arrivare al Castello di Windsor da Londra

Se non ve la sentite di fare tutto da soli o semplicemente non avete voglia di sbattervi troppo, ci sono pacchetti che comprendono sia il viaggio che il biglietto di entrata al castello:

Come vedete, di opzioni per arrivare a Windsor ce ne sono a bizzeffe.

Avete prenotato? Ecco altre cose da sapere prima di visitare il castello del monarca inglese.

Castello di Windsor

Orari di apertura del Castello di Windsor

Il castello di Windsor è aperto tutti i giorni tranne il martedì e il mercoledì.

Ecco gli orari di apertura:

  • dal 1 marzo al 31 ottobre dalle 10 alle 17.15 (la biglietteria chiude alla 16.00)
  • dal 1 novembre al 28 febbraio dalle 10 alle 16.15 (la biglietteria chiude alle 15.00).

L’entrata agli appartamenti di stato chiude 30 minuti prima della chiusura della biglietteria.

La visita complete dura circa 3 ore.

Fate attenzione però: Windsor è un castello abitato dalla Regina, per cui è possibile che durante la visita una o più sale siano chiuse. Controllate sempre prima sul sito ufficiale cosa è aperto e cosa no.

Castello di Windsor: biglietti

Per entrare al Castello di Windsor serve un biglietto – purtroppo non è gratuito.

All’entrata del castello troverete una biglietteria per garantirvi l’accesso, ma il mio consiglio è quello di prenotare il biglietto, acquistandolo online prima di arrivare.

Il flusso di visitatori è enorme e rischiate di fare un viaggio a vuoto.

Costo dei biglietti

Il costo del biglietto per Windsor varia a seconda del giorno della settimana in cui decidete di andare:

  • da domenica a venerdì: adulto: 26.50 sterline; giovani dai 18 ai 24 anni 17.50 sterline; bambini dai 5 ai 17 anni e disabili 14.50 sterline; bambini sotto i 5 anni gratis;
  • sabato: adulto: 28.50 sterline; giovani dai 18 ai 24 anni 18.50 sterline; bambini dai 5 ai 17 anni e disabili 15.50 sterline; bambini sotto i 5 anni gratis.

Cosa include il biglietto per il Castello di Windsor?

Nel biglietto, oltre all’accesso al castello, è inclusa una guida multimediale in numerose lingue, italiano incluso. Il tour multimediale è introdotto niente meno che da quello che era il Principe di Galles (ora Re Carlo) in persona, e porta i visitatori attraverso gli esterni del castello, gli State Apartments e la St George’s Chapel.

Anche parte dei dipendenti del castello, lo staff della Royal Household, prende la parola, esplicando chiaramente il ruolo come staff ufficiale delle residenze reali nel preparare banchetti per 160 persone, o il lavoro che è servito alla ricostruzione degli interni dopo il rogo del 1992.

Dove acquistare I biglietti per il Castello di Windsor

Ci sono numerose opzioni, anche per l’acquisto dei biglietti:

  • → direttamente alla biglietteria del castello: l’entrata si trova a Castle Hill e troverete anche la biglietteria. L’acquisto dei biglietti on site è largamente sconsigliato, a causa del grande flusso di visitatori. Rischiate di fare ore e ore di fila. La cosa migliore è acquistare i biglietti online;
  • online sul sito ufficiale
  • sul sito di Get Your Guide;
  • sul sito di Civitatis.

Il mio consiglio è di acquistare I biglietti sul sito ufficiale solo se siete assolutamente sicuri di andare in un determinato giorno a una determinata ora. Il sito ufficiale è generalmente quello con il prezzo del biglietto più basso, ma non offre alcun tipo di rimborso.

Sia Get Your Guide che Civitatis, invece, offrono il rimborso completo del biglietto in caso di disdetta entro le 24 ore dall’entrata.

Io lo trovo comodissimo, perché mi permette di pianificare tutto, ma allo stesso tempo di non perdere soldi nel caso in cui abbia un contrattempo.

C’è di più: nel caso in cui i biglietti sul sito ufficiale siano terminati, è sempre bene dare un’occhiata a Get Your Guide o Civitatis, che in genere li hanno disponibili.

Altrimenti, controllate le escursioni da Londra che comprendono anche Windsor: in genere i portali di terze parti (i link ve li ho messi qui sopra) si tengono da parte qualche biglietto per i ritardatari, da vendere insieme al trasporto.

Castello di Windsor

Quanto tempo per visitare il Castello di Windsor?

Come vedrete leggendo più avanti, ci sono numerose cose da vedere al Castello di Windsor. Chiaramente dipende dall’interesse per le singole attrazioni, ma considerate almeno 3 ore per la visita completa.

Vi consiglio di considerare un’ora in più, se non avete il biglietto e dovete acquistarlo alla biglietteria.

Il periodo di massimo affollamento è al mattino. La cosa migliore da fare è acquistare il biglietto online per il primo pomeriggio e troverete meno persone sia all’interno che ai controlli per la sicurezza (ve ne parlo più avanti).

Consigli pratici per visitare il Castello di Windsor

Come tutti i siti turistici molto frequentati, ci sono alcune cose alle quali prestare attenzione e da sapere prima di visitare il Castello di Windsor

⇒ Sicurezza: all’arrivo, subito dopo il controllo del biglietto, si deve passare al controllo della sicurezza, esattamente come in aeroporto. Il mio consiglio è di portare la borsa più piccola che potete e di mettere sulla vaschetta a disposizione tutti gli oggetti di metallo che avete addosso, così come telefono e macchina fotografica. Non è permesso l’ingresso di grosse borse/valige. Non è possibile entrare con coltelli, forbici, alcolici, così come biciclette, droni o monopattini.

Passeggini: Non è possibile entrare con i passeggini negli State Apartments. C’è un guardaroba prima di entrare in questa sezione, ma considerate che dall’entrata al guardaroba c’è una salita da fare a piedi di oltre 10 minuti, nonché una rampa di scale.

⇒ Animali: è ammesso l’ingresso dei soli cani guida.

⇒ Fotografia: è permesso fare fotografie solo all’esterno, e non con un treppiede. Non è possibile fotografare in alcun modo gli interni del castello.

⇒ Toilette: bagni e luoghi in cui cambiare I pannolini sono disponibili in vari punti del castello. Sono presenti nella Security Hall. nel North Terrace prima degli State Apartments e prima di entrare all’Undercroft Café.

⇒ Disabili: il sito è completamente accessibile ai disabili, che hanno sconti sul biglietto d’ingresso, così come i loro accompagnatori. Ci sono tour appositi per ipovedenti e non udenti, ma solo in lingua inglese.

Cibo e bevande: non è possibile introdurre cibo o bevande all’interno degli State Apartments o della St George’s Chapel. All’interno del castello è presente l’Undercroft Café, dove sono servite colazioni e pasti completi.

Cosa portare al Castello di Windsor

Considerando che dovrete camminare tanto, vi consiglio di indossare scarpe comode, in qualsiasi stagione decidiate di visitare Windsor Castle.

Viste le restrizioni all’ingresso, portate il meno possibile. Noi siamo entrati con la macchina fotografica, qualche snack e i cellulari, nient’altro.

Castello di Windsor

Cosa vedere al Castello di Windsor

State Apartments

Gli State Apartments sono semplicemente grandiosi. Come dicevo sopra, sono usati tutt’oggi dalla monarchia britannica per le cene ufficiali con i dignitari stranieri, per i premi e riconoscimenti ufficiali.

La cena avviene nella Gran Reception Room, nella quale possono cenare fino a 160 persone. La scalinata d’ingresso fu aggiunta da Re Giorgio IV, il quale creò anche la Waterloo Chamber, per celebrare la vittoria su Napoleone.

Proseguendo nella visita, le stanze si fanno sempre più piccole, man mano che ci si avvicina agli appartamenti privati dei sovrani.

Semi-State Rooms

Questa serie di appartamenti fu create da Re Giorgio IV, insieme alla Waterloo Chamber. Anche queste stanze sono usate tutt’oggi dal monarca, per i ricevimenti. Pare sia bellissima la Crimson Drawing Room, che personalmente ho potuto ammirare solo in fotografia, essendo chiusa al momento della mia visita.

Appese alle pareti, ci sono opere d’arte straordinarie, sia di maestri inglesi, che italiani che fiamminghi.

Queen Mary’s Dolls’ House

La Casa delle Bambole della Regina Mary è assolutamente straordinaria. Si tratterebbe di un giocattolo, se non fosse un’assoluta opera d’arte in miniatura.

Non tanto “in miniatura” perché è una casa delle bambole gigantesca. Fu costruita tra il 1921 e il 1924 e include oltre 1500 singoli pezzi, disegnati e realizzati dai migliori artigiani del tempo. Ogni stanza ha dettagli pazzeschi, si scoprono piano piano.

È il giocattolo più incredibile cha abbia mai visto in vita mia.

St. George’s Chapel

La visita al Castello finisce con la splendida St. George’s Chapel, casa spirituale dell’Ordine della Giarrettiera (Order of the Garter), l’ordine cavalleresco più antico al mondo e del quale il Monarca britannico è chiaramente a capo.

Ne fanno parte il Principe di Galles e altri 24 cavalieri, oltre ai Cavalieri Reali e ai Cavalieri Stranieri.

La St. George’s Chapel è una chiesa gotica, costruita nel 1475.

È la cappella di famiglia dei reali inglesi. Qui, sono sepolti Enrico VIII, la moglie preferita Jane Seymour (una delle poche che non fece decapitare o uccidere) e il suo migliore amico Charles Brandon. Qui, riposano anche la Regina Elisabetta II e il mitico Filippo di Edimburgo, l’amato marito.

Vi ricorderete della cappella di San Giorgio anche perché vi si sono sposati Henry e Megan.

Esterni

Gli esterni del Castello di Windsor sono semplicemente incredibili.

Tenetevi del tempo a disposizione per fare un tour completo dei giardini e delle mura di cinta. Io ho fatto letteralmente centinaia di foto all’esterno – visto che comunque fotografare gli interni è proibito.

Cosa vedere vicino al Castello di Windsor

Se avete tempo e siete dotati di un mezzo proprio, nei dintorni di Windsor ci sono numerose attrazioni che non potete assolutamente perdere:

Stonehenge: il cerchio di pietre più famose al mondo, un patrimonio UNESCO che non può mancare nel vostro itinerario in Inghilterra.

Bath: la cittadina vittoriana per eccellenza, con le terme romane più famose del Regno. Leggete il mio post un giorno a Bath per saperne di più.

se viaggiate con i bambini, Legoland è assolutamente un must.

Dove dormire a Windsor

Se decidete di passare una o più notti vicino al castello, ecco qualche consiglio su dove alloggiare a Windsor:

Macdonald Windsor, High Street numero 23 – se cercate un alloggio nei pressi del Castello di Windsor, questo hotel fa decisamente al caso vostro. Ha un ristorante interno e alcune camere sono dotate di caminetto.

The Windsor Trooper, St Leonards Rd numero 97 – se invece avete voglia di un tocco più tradizionale, questo è uno dei classici hotel-pub inglesi. Le camere sono spartane, ma ha un’atmosfera davvero british

The Christopher Hotel, Eton, High St numero 110 – Poco distante da Windsor, non perdetevi questo hotel, aperto fin dal XVI secolo.

Castello di Windsor

Il Castello di Windsor è davvero sconfinato e anche se si possono visitare solo poche stanze, non vi affrettate e prendetevi il vostro tempo. La durata della visita è stabilita in due ore e mezzo, ma noi siamo stati molto di più. Siamo arrivati in tarda mattinata e andati via al tramonto.

E come si vede dalle ultime foto, abbiamo fatto benissimo ad aspettare la golden hour al Castello di Windsor.

************************************************************************************************

Se siete a Londra e volete fare un giro nei dintorni, leggete i miei articoli:

Oppure cliccate qui per tutti gli altri articoli sulla capitale britannica.

Questo post è stato scritto da:

Francesca

Francesca

La capa, dalla cui mente è nato Chicks and Trips. Senese di nascita, europea per vocazione, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e poi l'ha appesa al chiodo sopra la televisione, tanto le stampe come complemento d'arredo vanno di moda. Passa il suo tempo a scrivere atti più o meno pubblici, fare foto e pettinare gatti. Se dovesse andare a Hong Kong, sceglierebbe un volo con scalo a Londra e un tempo di attesa di un paio di giorni, pur di farsi un giro nella città della Regina. Sogna di vincere alla lotteria e passare il resto della vita in un appartamento con camino a Mayfair. Autrice de "I Cassiopei (biografie non autorizzate) e "Storia di Biagio".

5/5 - (2 votes)